TERRACINA – Ruba una bicicletta sul lungomare e aggredisce un testimone. Nel pomeriggio del 10 agosto, personale “Volante” del Commissariato di P.S. di Terracina procedeva all’arresto in flagranza del 20enne M.R., per il reato di tentata rapina impropria, nei pressi di uno stabilimento balneare, per circostanze di tempo e di luogo, affollato da numerosi turisti.

Nel caso di specie, il giovane, dopo aver forzato e provocato la rottura del lucchetto che teneva assicurata una bicicletta alla ringhiera presso il Lungomare Circe, tentava di allontanarsi con il maltolto. Nell’immediatezza del fatto, il predetto veniva visto da un testimone che allertava immediatamente la sala operativa del Commissariato; frattanto, nel tentativo di intimare al ladro di fermarsi, si avvicinava allo stesso il quale, per niente intimorito, aggrediva fisicamente l’impavido inseguitore, colpendolo con dei pugni al volto e scaraventandolo a terra, procurando allo stesso lesioni che venivano medicate presso il locale pronto soccorso di Terracina.

Il tentativo del giovane di darsi a nuova precipitosa fuga non sortiva l’effetto sperato, in quanto il predetto veniva bloccato ed arrestato dagli agenti operanti, intervenuti tempestivamente sul posto.
L’arrestato, pregiudicato per fatti analoghi, proveniente dalla provincia senese, su disposizione del P.M di turno, veniva ristretto presso le camere di sicurezza del Commissariato di P.S. di Terracina, in attesa del rito direttissimo dinanzi il Tribunale di Latina fissato per il successivo 12 agosto c.a..
Sono in corso ulteriori indagini volte a verificare eventuali ulteriori responsabilità del predetto per fatti/reato analoghi.

Condividi con: