Sandro Gatto. Il granatiere di Borgo Grappa.

136

Il granatiere di borgo Grappa. Nato nel 1964 Sandro Gatto ha rappresentato uno dei giocatori più importanti nella lunga storia del basket pontino. Ha cominciato a giocare con la maglia della Pall. Latina con istruttore Mimmo Mascolo, dopo la trafila dei campionati giovanili ha girato mezza Italia per poi tornare a casa e giocare in C1 con la Virtus Rip Inox nel 1993, ottenendo subito la promozione. La pallacanestro allora era il secondo sport più popolare in Italia in una nazione dominata dal calcio.
Sandro ha ottenuto la maggiore soddisfazione della sua lunga carriera indossando la prestigiosa maglia della Stefanel Trieste in serie A2 dopo aver lasciato Grosseto. Nella stagione sportiva 86-87 il Micione è stato allenato da Bogdan Tanjevic, uno dei migliori coach d’Europa, con un palmares da fare venire i brividi. In una intervista rilasciata al quotidiano il Piccolo di Trieste il popolare “Boscia” dichiarò . Gli allenamenti nella bella città giuliana erano duri, come succede con il tecnico montenegrino ma Gatto non mollava mai, solo un grave infortunio lo ha fermato verso una carriera nella massima serie italiana. Un ottimo ricordo ha lasciato a Trieste anche il pontino Claudio Ciampi.
Gatto – di ruolo ala-pivot – si segnalava per tantissima energia, presente in molte azioni e dinamiche diverse di gioco. Sandro ha militato in piazze storiche come Brindisi, Campobasso, Ancona, Cefalù, Albano Laziale, Aprilia.
Lui non cercava di segnare con forzature ed essere protagonista assoluto, tutti godevano della possibilità di fare canestro. In difesa si faceva sentire, tanti rimbalzi erano i suoi.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.




Articolo precedenteBambino investito nel cortile di casa, forse alla guida dell’auto un vicino di casa
Articolo successivoLa famosa pizza demoralizzata è nata a Latina
Paolo Iannuccelli
Paolo Iannuccelli è nato a Correggio, provincia di Reggio Emilia, il 2 ottobre 1953, risiede a Nettuno, dopo aver vissuto per oltre cinquant'anni a Latina. Attualmente si occupa di editoria, comunicazione e sport. Una parte fondamentale e importante della sua vita è dedicata allo sport, nelle vesti di atleta, allenatore, dirigente, giornalista, organizzatore, promoter, consulente, nella pallacanestro. In carriera ha vinto sette campionati da coach, sette da presidente. Ha svolto attività di volontariato in strutture ospitanti persone in difficoltà, cercando di aiutare sempre deboli e oppressi. É membro del Panathlon Club International, del Lions Club Terre Pontine e della Unione Nazionale Veterani dello Sport. Nel basket è stato allievo di Asa Nikolic, il più grande allenatore europeo di tutti i tempi. Nel giornalismo sportivo è stato seguito da Aldo Giordani, storico telecronista Rai, fondatore e direttore della rivista Superbasket. Attualmente è presidente della Associazione Basket Latina 1968. Ha collaborato con testate giornalistiche locali e nazionali, pubblicato libri tecnici di basket e di storia, costumi e tradizioni locali Ama profondamente Latina e Ponza, la patria del cuore.