Al via domani “Effetto Venezia a braccia aperte”. Servirà il Green Pass

Al via domani, mercoledì 4 agosto. Il cosiddetto Green pass, in ossequio alle disposizioni del governo, servirà per gli eventi al chiuso.

313

LIVORNO – Si terrà domani sera, mercoledì 4 agosto alle 20,30 sul Ponte di Marmo, il via ufficiale ad Effetto Venezia, alla presenza del sindaco Luca Salvetti, dell’assessore della Cultura Simone Lenzi, dell’assessore al Turismo e Commercio Rocco Garufo, della direttrice artistica Francesca Ricci, di Adriano Tramonti vicepresidente del Lem, fondazione organizzatrice della kermesse e di Luciano Barsotti presidente della Fondazione Livorno.

La kermesse, giunta quest’anno alla 36esima edizione, si terrà da domani mercoledì 4 a domenica 8 agosto ed animerà ogni angolo dell’antico quartiere della Venezia.

Come da disposizioni del governo Effetto Venezia non farà eccezione, così, dal 6 agosto, per partecipare agli eventi al chiuso sarà necessario munirsi di Green Pass (esenti solo gli under 12). Per ottenerlo basta una sola dose di vaccino o un tampone negativo nelle ultime 48 ore.

Il palco principale di piazza del Luogo Pio ospiterà Red Canzian, storico bassista e cantante dei Pooh, con lo spettacolo “Musica e parole” che andrà in scena alle 22,30.

Le associazioni di volontariato della protezione civile saranno le protagoniste, alle 22,30, sul palco in piazza della Repubblica seguite da Faya e Ewa in concerto.

In piazza Garibaldi serata di teatro e carcere con “Il Don Chisciotte innamorato” a cura di Arci Livorno in collaborazione con la Casa Circondariale di Livorno, la Regione Toscana e Atelier delle Arti.

Ogni angolo del quartiere, piazza, scalandrone, chiesa, museo, sarà animato da eventi di ogni tipo, compreso il mercatino di arti e mestieri.

“15 sono le rassegne organizzate questa estate dall’Amministrazione Comunale – afferma il sindaco Luca Salvetti – con l’intento di animare la città, valorizzare quartieri e luoghi cittadini e dare ai cittadini livornesi ed anche ai turisti l’opportunità di stare all’aria aperta dopo i mesi di limitazioni in seguito all’emergenza sanitaria. Si è voluto in questo modo dare il senso della ripartenza.

Effetto Venezia rimane comunque l’evento più significativo, legato alla tradizione spettacolare estiva della città. Nel rispetto delle normative anti-Covid la kermesse sarà caratterizzata anche quest’anno da eventi, spettacoli di prosa e musica, mercatini, mostre, incontri e offerta culinaria. Saranno cinque giornate intense caratterizzate da 80 eventi e non ci sarà che l’imbarazzo della scelta”.

Per partecipare agli eventi è necessaria la prenotazione.

Per programma, prenotazioni online, informazioni: https://www.livorno-effettovenezia.it/

In occasione di Effetto Venezia 2021 la Baracchina 20 di piazza Garibaldi si attiverà come un info point ufficiale della manifestazione. Dalle ore 20 alle 22 sarà data assistenza a coloro che non possiedono un computer o un indirizzo di posta elettronica, per la prenotazione online dei biglietti per gli spettacoli.

Allo sportello opereranno gratuitamente le volontarie e i volontari del Comitato Pontino San Marco ETS che hanno promosso il Patto di collaborazione per la riqualificazione funzionale della Baracchina 20 con il Comune di Livorno, coinvolgendo nel nuovo progetto l’associazione Africa Accademy Calcio, La Cantina Teatrale Reale Compagnia della dodicesima sedia, La Comunità (ABC) Associazione Bangladesh.

Per contatti: baracchina20@gmail.com – Facebook: @infopointbaracchina20livorno

Si possono prenotare biglietti anche presso il punto dell’Ufficio Turismo in piazza del Luogo Pio.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.



Articolo precedenteCori, sabato 7 agosto concerto della Nova Amadeus in piazza del tempio d’Ercole
Articolo successivoArriva l’ok, si torna a correre sulla pista del Caprilli, al via l’8 agosto
Livornese classe ‘99 con il sogno di diventare giornalista ho conseguito la laurea triennale in scienze politiche prima di iscrivermi all’Università di Bologna. Ho già collaborato con diverse testate occupandomi di sport, la mia prima passione. Nel tempo libero amo leggere, informarmi e viaggiare.