Appello su Facebook del sindaco Coletta ” Insieme per il bene di Latina “

301
Il Sindaco Coletta durante il giuramento

LATINA – “Siamo stati scelti dai cittadini per collaborare”. Torna a indicare la strada di un accordo per la città come quella più responsabile, il sindaco di Latina Damiano Coletta a meno di 24 ore dal Consiglio comunale (in programma il 28 settembre alle 18) che potrebbe sancire la fine della seconda consiliatura a guida civica. In una diretta Facebook cominciata alle 19,30 di oggi, 27 settembre sulla sua pagina social, Coletta parla ai cittadini senza filtri per spiegare quello che sta accadendo e i possibili scenari. E in chiusura lancia la sua proposta all’opposizione di centrodestra: “Gestire una fase di transizione: diamoci un tempo, magari di sei mesi, per lavorare insieme nel rispetto della comunità che rappresentiamo”.

Le difficoltà attuali con l’aumento dei costi per i cittadini e per l’Amministrazione, i fondi del Pnrr che potrebbero trasformare una stagione di criticità in una stagione di opportunità per dire: “Non possiamo permetterci alcuna fase di stallo. Il treno del Pnrr passa una volta sola e bisogna rispettare le tempistiche – aggiunge durante la diretta Fb, spiegando che i tempi sono brevissimi e “non possiamo permetterci di perdere queste opportunità”, perché “se queste situazioni non vanno avanti chi ci rimette è la città”, dice.

Poi il tema sfiducia: “Entro in un discorso anche personale, penso di averci messo tanto impegno e tanta dedizione in questi anni, ho commesso anche errori dovuti forse all’iniziale inesperienza, e via via ho avuto la sensazione sempre più forte di essere sindaco di tutti. Io non sono attaccato a questa poltrona, Latina è una città complessa da amministrare, però avverto il senso di responsabilità e di dovere morale nei confronti della città. La sfiducia è nelle facoltà del centrodestra, ma io vorrei proporre altro e non lascio le cose a metà. Non bisogna abbandonare la nave in un momento di difficoltà, e ci tengo a dirlo per sgombrare il campo: non voglio restare a tutti i costi, ma la gestione commissariale a cui sarebbe affidata Latina, non è la stessa cosa e Latina andrebbe in gestione commissariale fino a maggio.  Servono scelte politiche, faccio l’esempio della gestione del teatro D’Annunzio, dell’uso della Banca d’Italia, del Piano di utilizzazione degli arenili, la revisione dei piani particolareggiati da portare in consiglio”, aggiunge, prima di confermare la piena disponibilità ad un percorso comune.

Ora tutto è affidato alle scelte del centrodestra che saranno chiare già domani, nel primo consiglio comunale dopo il rinnovo del voto nelle 22 sezioni (il 4 settembre scorso). Un momento reso anche più difficile per il primo cittadino di Latina dai risultati che consolidano Fratelli D’Italia e Forza Italia. All’indomani dell’appuntamento elettorale e in vista delle Politiche del 25 settembre erano stati proprio gli esponenti di Fratelli D’Italia i più decisi a indicare la via della sfiducia per il sindaco di Latina Damiano Coletta che domani pomeriggio, non senza aver tentato il tutto per tutto, si presenterà in aula. Dagli Azzurri invece la promessa di lealtà nei confronti del centrodestra salvo che per la clausola: “Sfiducia sì, ma quando avremo un candidato”, le parole del senatore Claudio Fazzone.

All’ordine del giorno della seduta di domani ci sono la convalida degli eletti, il giuramento del sindaco e l’elezione del presidente del consiglio comunale, ma se il centrodestra confermerà la “sfiducia subito” con la maggioranza dei seggi in consiglio, farà cadere Coletta. Dunque solo un accordo sulle cose da fare che giungesse in extremis potrebbe salvare la consiliatura evitando l’ennesimo commissariamento.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.



Articolo precedenteSabaudia, si allarga la voragine sul lungomare
Articolo successivo48enne di Latina trovato morto nella sua auto in un fosso: gli amici lo cercavano da tre giorni