Rintracciare gli stranieri irregolari, in maggioranza indiani, affinché possano essere vaccinati oltre che tamponati. E’ questo il compito degli operatori di Emergency che stanno lavorando nel capoluogo pontino, in collaborazione col Dipartimento di prevenzione della Asl pontina. Scovare gli irregolari, contattarli e, poi, convincerli a vaccinarsi: non si tratta sicuramente di un lavoro semplice, come ampiamente dimostrato nei mesi scorsi, quando, più volte, la Asl ha trovato numerose difficoltà nel rintracciare gli indiani non regolari del nostro territorio. Adesso col supporto di Emergency potrebbe essere più semplice. La collaborazione con la Asl prevede attività di supporto nel contact tracing e monitoraggio delle condizioni socio-sanitarie dei migranti presenti nell’area, l’eventuale individuazione di criticità legate alla presenza e alla diffusione del virus e la mappatura della popolazione indiana presente sul territorio per riuscire a raggiungere anche le persone più isolate. L’intervento è in particolare rivolto ai membri di questa comunità in quanto una delle più numerose e difficili da raggiungere nell’area, e quindi potenzialmente a rischio nell’attuale situazione di pandemia.
E proprio per questo l’obiettivo primario, adesso, diventa quello di vaccinare gli indiani per evitare che ci possa essere una nuova diffusione della variante asiatica, ribattezzata Delta, come sta avvenendo altrove. Ma c’è già un piano, c’è già una data.
Martedì 22 giugno, presso il poliambulatorio di Pontinia, verranno effettuate le prime vaccinazioni agli indiani irregolari del territorio. Per le inoculazioni è stato scelto il vaccino Johnson&Johnson che, in quanto monodose, permetterà di abbreviare i tempi.

Per quanto riguarda gli indiani regolari, invece, dovranno vaccinarsi presso gli hub della provincia, tramite prenotazione, come per il resto della popolazione: anche in questo caso sarà importante la collaborazione tra Asl ed Emergency per portare a termine un importante lavoro di convincimento.
Le attività degli operatori, un coordinatore e due mediatori culturali, uno sull’unità mobile di strada di Emergency, uno in supporto al Dipartimento di Prevenzione dell’asl di Latina, si svolgono dal lunedì al venerdì.
Tramite tracciamento telefonico, uno dei mediatori comunica con le persone positive al Covid-19 segnalate dall’Asl e poste in isolamento. Il secondo mediatore, invece, insieme al coordinatore del progetto, si sposta all’interno della provincia nelle aree a maggiore densità di migranti (Bella Farnia, Borgo Hermada e Pontinia), per un’attività di prevenzione e per fornire informazioni sulle modalità di isolamento e su chi contattare in caso di sintomi riconducibili al Covid-19. Gli operatori sottopongono ai beneficiari anche dei questionari per raccogliere dati sociali, sanitari, sul Covid, e sull’eventuale rientro dall’India degli intervistati. La caccia alla variante indiana o delta, come ora l’hanno ribattezzata, prosegue.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.