È morto Marcello Marziali, “Gino” ne “I delitti del Barlume”

Il ricordo commosso dei colleghi

715

LIVORNO – Il mondo del cinema e del teatro piange la perdita di Marcello Marziali, icona del vernacolo livornese, scomparso all’età di 84 anni. Celebre per le sue interpretazioni cinematografiche e teatrali, Marziali ha lasciato un’impronta indelebile nel panorama del cinema toscano, noto soprattutto per il suo indimenticabile ruolo come Gino Rimediotti nella serie ‘BarLume’, ispirata ai romanzi di Marco Malvaldi.

La sera del 30 novembre ha segnato la sua dipartita nella sua casa livornese. I suoi funerali avranno luogo sabato 2 dicembre presso la parrocchia Madre Seton.

Marziali era un membro apprezzato della compagnia teatrale “Le Maschere del Carrozzone”, dove ha brillato interpretando numerosi ruoli in commedie dialettali livornesi. Prima di dedicarsi all’arte, ha svolto la professione di ragioniere.

Roan Johnson, il regista di ‘BarLume’, ha condiviso un toccante tributo su Facebook: “Caro Marcello Marziali, per tutti noi del BarLume semplicemente Gino, è stato un onore lavorare e condividere con te questi anni. Nonostante le sfide, la tua comicità e il tuo modo di trasformare le battute hanno reso ogni istante speciale. La tua capacità di emozionarti sul set e farci ridere ha rappresentato un talento straordinario e unico. Hai vissuto gli ultimi dieci anni come una vera rockstar, regalando sorrisi a tutti. Far ridere la gente è stato il tuo dono più prezioso. Stiamo preparando dei tributi per continuare a condividere insieme qualche altra risata. Grazie per averci regalato questi anni. Un caloroso abbraccio, Gino”.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.



Articolo precedentePonte sul Sisto, martedì 5 dicembre le prove di carico e la riapertura
Articolo successivoLo street food raddoppia in vista del Natale: due giorni e location extralarge