Gli Alberi dei Romani, di Napoleone e di Mussolini

33

I Romani li piantavano lungo le consolari, Napoleone ovunque in Europa persino nei cimiteri e Mussolini per bonificare le paludi. Oggi, piantiamoli per il nostro bene-essere. Il 21 novembre, dal 1898, si celebra la Giornata Nazionale degli Alberi, occasione di riflessione sul ruolo indispensabile di  boschi e foreste per l’intero ecosistema. Gli alberi sono nostri alleati nella lotta alla crisi climatica; perché trasformano l’anidride carbonica in ossigeno, perché sono un filtro biologico agli inquinamenti gassosi, acustici e dei metalli pesanti; perché aumentano la diversità biologica tra le specie animali e vegetali. Perché i boschi sono le nostre cattedrali naturali, i viali alberati le nostre strade verdi, i parchi i nostri salotti. Tutto deve tornare a connettersi: uomo, natura e cultura. L’urbanità sarà verde. (Foto di esemplare di “cerro” secolare nella valle delle Gotte su i monti Lepini)

Maurizio Guercio


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.



Articolo precedenteAprilia- Scuole chiuse domani 22 novembre per allerta meteo- l’ordinanza del Sindaco
Articolo successivoLa Grande Festa degli Alberi con mille nuovi alberi piantati a Roma e nella Regione