Il 30 settembre Gianni Di Pietro premierà a Roma Bebe Vio e Claudio Arrigoni

26

Viva attesa per l’assegnazione del prestigioso Premio internazionale Mecenate dello Sport
Bebe Vio ha vinto la 10ª edizione del premio Mecenate dello Sport-Varaldo Di Pietro. Il riconoscimento premia chi, in campo nazionale e internazionale, fornisce un contributo essenziale per la crescita dello sport e l’esaltazione dei suoi valori anche attraverso attività di valore sociale e solidale. “Bebe – è il commento di Giovanni Di Pietro, presidente della Fondazione Varaldo Di Pietro – ha saputo fare dell’attività sportiva una testimonianza per diffondere a livello internazionale la conoscenza dello sport paralimpico e dei grandi valori che lo sport racchiude. Abbiamo voluto assegnarle il Mecenate dello Sport, perché nella sua storia, nella sua forza, nel suo impegno sono racchiusi grandi valori”. La consegna si svolgerà il 30 settembre, alle 11, a Roma nel Salone d’Onore del Coni. Bebe Vio succede nell’albo d’oro a Massimo Moratti, Nerio Alessandri, Claudio Ranieri, Timothy Shriver Kennedy, Lavinia Biagiotti, Javier Zanetti e Piero Ferrari. A Roma verrà premiato ancche il giornalista Claugio Arrigoni nella sezione Economia e Sport, lavora con i quotidiani Corriere della Sera e Gazzetta dello Sport. Interverrà il presidente del Coni Giovanni Malagò, presenta Matteo Marani di Sky Sport.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.



Articolo precedenteBlackout, elezioni al lume di candela ma le operazioni di voto vanno avanti
Articolo successivoItri, tutti i seggi in Comune per paura delle frane. Oltre 200 evacuati
Paolo Iannuccelli è nato a Correggio, provincia di Reggio Emilia, il 2 ottobre 1953, risiede a Nettuno, dopo aver vissuto per oltre cinquant'anni a Latina. Attualmente si occupa di editoria, comunicazione e sport. Una parte fondamentale e importante della sua vita è dedicata allo sport, nelle vesti di atleta, allenatore, dirigente, giornalista, organizzatore, promoter, consulente, nella pallacanestro. In carriera ha vinto sette campionati da coach, sette da presidente. Ha svolto attività di volontariato in strutture ospitanti persone in difficoltà, cercando di aiutare sempre deboli e oppressi. É membro del Panathlon Club International, del Lions Club Terre Pontine e della Unione Nazionale Veterani dello Sport. Nel basket è stato allievo di Asa Nikolic, il più grande allenatore europeo di tutti i tempi. Nel giornalismo sportivo è stato seguito da Aldo Giordani, storico telecronista Rai, fondatore e direttore della rivista Superbasket. Attualmente è presidente della Associazione Basket Latina 1968. Ha collaborato con testate giornalistiche locali e nazionali, pubblicato libri tecnici di basket e di storia, costumi e tradizioni locali Ama profondamente Latina e Ponza, la patria del cuore.