Il presidente Giani fa il punto sulla situazione covid: “stiamo lavorando per la zona arancione i primi di dicembre”

Ecco i dati del virus oggi

2544
Foto Livorno Press

In diretta Facebook, il governatore, fa i punto sulla pandemia. Il venerdì è il giorno deputato alla misurazione dell’indice Rt, il bilancio di questa settimana porta la toscana a 1.31, in netto abbassamento, che colloca la regione in uno scenario alto ma non più da quarta fascia, buon auspicio per arrivare ad inizio di dicembre in zona arancione, ed è ciò che si auspica il presidente:
-I primi di dicembre o nei giorni immediatamente successivi- dice.

Altro dato fondamentale è quello dei ricoveri ospedalieri, i ricoveri ospedalieri sono la capacità di tenuta del sistema ospedaliero. Oggi  i ricoverati in terapia intensiva salgono di 8 unità, portando la regione a 290 posti occupati su su 550. Segno meno, invece, in terapia sub intensiva:-2. Complessivamente 14 ricoveri in meno nel totale dei ricoverati covid, erano 2100 ieri, oggi sono 2090 (fra terapia intensiva, sub-intensiva e ricovero covid normale).

Il dato che tanto interessa in questa seconda ondata è il rapporto tamponi-positivi, che oggi è circa all’11%, al di sotto della media nazionale del 15%. Oggi fra tamponi rapidi e molecolari sono stati effettuati ben 18.500 tamponi.

Questo deve incoraggiarci per la nuova generazione di tamponi rapidi -sottolinea Giani- ma anche a valorizzare le iniziative che caratterizzano il Mayer, che spero presto diventi un centro di ricerca, come l’iniziativa UFFA. Saranno i genitori a fare il tampone ai bambini e non gli operatori sanitari.

Ringrazia inoltre pediatri e medici di base che stanno facendo il tampone ai pazienti.
Poi conclude:
Stiamo ritrovando l’equilibrio nel rapporto con la medicina territoriale, dobbiamo essere consapevoli che i contagi sono 2.207 ma è una pandemia che si è stabilizzata e spero poco a poco vada verso il basso ed è merito vostro, toscani. 

 


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.