La Bua dell’Orate chiarisce: “La situazione finisce qui, il ristorante è aperto a tutti”

"La situazione mediatica che si è venuta a creare non mi appartiene"

440

LIVORNO – “Vi voglio umilmente comunicare che, dopo la giornata di ieri e la nottata passata quasi insonne, ho deciso di uscire da questo vortice in cui non pensavo di entrare. Non fa parte di me. Chi mi conosce sa come sono fatta, cosa volevo dire e come l’ho detto”.

Inizia così il messaggio chiarificatore pubblicato dal ristopub livornese “La Bua dell’Orate” dopo che, il giorno seguente la vittoria di Giorgia Meloni alle elezioni politiche, la titolare aveva espressamente dichiarato di non voler i soldi da parte dei clienti che l’avevano votata.

“Non sono una codarda che si nasconde dietro un dito o che non si assume le proprie responsabilità – prosegue la titolare nel lungo messaggio di precisazione – ma devo ammettere che tutto questo è troppo grande per me e davvero non mi ci vedo in diretta nazionale o a fare altre interviste. Comunico a Voi e a tutti che all’ingresso del mio locale non c’è la richiesta del proprio voto, non ci ho mai minimamente pensato lontanamente.
Il mio locale è aperto a tutti, chi vuole è il benvenuto e verrà trattato come ho sempre fatto: nel migliore dei modi.
Io di mestiere faccio le bevute, questa situazione mediatica non mi appartiene. Ho fatto ciò che volevate, mi sono spiegata e spiegata ancora. Ma sono giunta alla conclusione che comunque ognuno prende dalle parole cioè che vuole e io parole su questo non sono più tenuta a dirle: ne ho già dette abbastanza e sarebbero sempre le solite di ieri”.
Il caso, divenuto ben presto di portata nazionale, ha visto la pagina Facebook riempirsi di interazioni e messaggi che hanno reso per qualche ora il ristorante livornese come centro di gravità.
“Vi ringrazio per il Vostro interesse e la Vostra disponibilità – conclude il messaggio – ma io adesso mi ricarico per cominciare la mia settimana lavorativa sperando che sia serena. L’ultima cosa che aggiungo è che non mi sembra giusto che le persone stiano recensendo il mio locale su Google per questa vicenda, sia in positivo che in negativo non sono d’accordo: per recensire un locale devi averci vissuto un’esperienza vera.
Ribadisco che non era minimamente nelle mie intenzioni mettere un divieto, non mi appartiene. Sono una persona molto inclusiva e libera di esprimermi dove e come voglio o di poter declinare un invito. Per me questa situazione finisce qui, chi vuol continuare sappia che non avrà la mia attenzione e nemmeno quella delle persone che mi stanno intorno. Ringrazio tutti Voi, ognuno di Voi, tutte le realtà che si sono interessate all’argomento e tutte le persone che mi sono state vicine nella giornata di ieri.
Auguro a tutti una buona giornata, Romina”.

News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.



Articolo precedenteTerracina, banda di ladri torna a colpire il bar “Victoria”: altro furto da 2500 euro un mese dopo l’ultima volta
Articolo successivoTenta di rapinare un ristorante, ma i presenti si accorgono che la pistola è a salve: scatta la rissa, arrestato dai Carabinieri
Livornese classe ‘99 con il sogno di diventare giornalista ho conseguito la laurea triennale in scienze politiche prima di iscrivermi all’Università di Bologna. Ho già collaborato con diverse testate occupandomi di sport, la mia prima passione. Nel tempo libero amo leggere, informarmi e viaggiare.