La Casa della Musica di Latina, eccellenza pontina creata dal maestro Claudio Paradiso

361

Non conoscevo la casa della musica di Latina, mi vergogno di non esserci mai stato prima, è qualcosa di incredibile. L’amico di sempre Carlo Montefusco mi ha invitato con piacere a una conferenza stampa sul futuro di questa struttura in via Fratini, lo ringrazio per avermi offerto di vivere momenti di grande interesse e passione. Avevo sentito parlare del notissimo Maestro Claudio Paradiso, studioso e musicologo, flautista e direttore d’orchestra, fondatore e direttore dal 1990 dell’Orchestra da camera I Fiati di Parma.
Non lo conoscevo personalmente, è una persona affabile e solare, un ottimo comunicatore. Quando gli dico che sono nato a Correggio in provincia di Reggio Emilia non afferma come tanti “E’ il paese di Ligabue”, mi parla invece di Andrea Griminelli suo collega flautista che ha raggiunto livelli altissimi in campo internazionale, grande amico di Pavarotti e Sting. Qualche volta sono andato curiosamente alla ricerca della biografia di Andrea Griminelli, cresciuto sotto i portici di corso Mazzini a Correggio davanti al negozio di elettrodomestici dei suoi genitori. La mia famiglia – ero appena nato – comprò il primo televisore proprio lì come tutti i correggesi. Negli anni seguenti sono cresciuto e spesso sentivo mia madre dire in dialetto “La a’
ga da gnir griminel”, qualche problema di assistenza tecnica era inevitabile in quegli anni. Lasciamo stare i ricordi non tanto sbiaditi. Paradiso è il motore che non si ferma mai di un grande progetto che ha preso vita a Latina. La Casa della Musica e il DMI (Dizionario della Musica in Italia) si trova presso i capannoni dell’Ex Consorzio Agrario. Circa 6mila metri quadrati di spazi con un archivio che contiene dischi, libri, riviste, strumenti musicali, spartiti, foto d’epoca, locandine e altro. Un luogo da vivere, dove organizzare concerti, rassegne, mostre, convegni, con un auditorium e uno studio di registrazione dove la Musica, dalla classica a quella dei giorni nostri, è la protagonista. Tanti sono già i tesori recuperati dal Maestro Paradiso, tonnellate di materiale frutto di donazioni di numerosi musicisti che ha incontrato durante la sua carriera, di collezionisti e appassionati, sono presenti pezzi unici di enorme rilevanza storica, culturale e sociale. È già partito un certosino lavoro di digitalizzazione del materiale in collaborazione con l’Università La Sapienza di Roma.
Grande è l’attività di divulgatore del Maestro Claudio Paradiso ha saputo con caparbietà raggiungere il suo obiettivo. Grazie a contributi ottenuti dal Comune di Latina e dalla Regione Lazio la Casa della Musica verrà ampliata, verrà occupato il piano superiore oltre allo spazio del mercato annonario che tornerà nella vecchia e storica sede in via don Morosini grazie a un progetto presentato dall’impresa edile dell’ingegner Armenio di Latina che potrebbe essere approvato visto il suo indiscusso valore.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.