La seconda edizione del JFF2022 – Japanese Film Festival Online 2022 dal 14 al 27 febbraio 2022

156

L’Istituto Giapponese di Cultura annuncia la seconda edizione del Japanese Film Festival Online 2022, il festival gratuito di cinema giapponese in streaming, ideato e organizzato da The Japan Foundation, che sarà online dal 14 al 27 febbraio 2022 sulla piattaformahttps://watch.jff.jpf.go.jp. Tutti i film sono in V.O. con sottotitoli selezionabili in italiano, inglese e molte altre lingue.

Dopo l’esordio in Asia nel novembre 2020 come Festival itinerante in streaming nelle sedi estere di The Japan Foundation – con tappa finale in Italia e parte dell’Europa a fine febbraio dello scorso anno – torna la seconda edizione del JFF Online 2022 per portare direttamente nelle case un’ampia scelta di film che spaziano tra vari generi e cercano di colmare quella distanza fisica dal Giappone innescata con la pandemia da Covid-19.

Una piattaforma interamente dedicata al Festival, 14 giorni di programmazione, 19 film con sottotitoli in italiano – e in molte altre lingue selezionabili a scelta – (Happy Flight:2008, Mio’s Cookbokk:2020, ReLIFE:2017, It’s a Summer Film:2021, Awake:2020, Rashomon:1950, The Floating Castle:2012, Masked Ward:2020, Aristocrats:2021, Her Lover Boils Bathwater:2016, The Chef of South Polar:2009, Bread of Happiness:2012, Ito:2021, Ozland:2018, Patema Inverted:2013, 2 film di animazione e 2 documentari),  accessibili gratuitamentein streaming per 48 ore a partire dal primo click, video interviste, articoli, approfondimenti sul cinema giapponese in una selezione esclusiva pensata per offrire un viaggio virtuale in grado di risollevare lo spirito degli spettatori e far fronte a un momento ancora difficile per i cittadini di tutto il mondo. Ecco allora che il ‘viaggio’ in Giappone, ostacolato dall’attuale situazione sanitaria, si fa immaginario, e consente lo stesso di visitare luoghi, assaporare tradizioni, percepire natura e stagioni, addentrarsi nei cambiamenti sociali e nei tanti aspetti della cultura giapponese, in attesa che l’immaginato diventi tangibile e il sogno di un viaggio in Giappone realtà.

In programmafilm di formazione,fantascienza, animazione,jidaigeki (film storici), thriller, commedie, un nutrito numero di film drammatici e l’imperdibile sezione dei documentari, che quest’anno punta lo sguardo sulsumō (lo spettacolare sport nipponico incentrato su una lotta corpo a corpo che conserva una matrice shintoista e una ritualità senza uguali al mondo), e sul ramen, tipica zuppa a base di spaghetti di frumento che rappresenta forse il cibo più amato e consumato dai giapponesi di ieri e di oggi nell’intero arcipelago.

E per finire, fiore all’occhiello della seconda edizione del JFF ONLINE 2022 per quel riguarda i classici, Rashomon(1950) di Kurosawa Akira, il film che ha svelato il cinema giapponese  all’Occidente conquistando un meritatissimo Leone d’Oro alla Mostra Internazionale del Cinema di Venezia nel 1951, e che continua a splendere da oltre 70 anni in cima all’Olimpo del cinema di tutti i tempi.

Francesco Giuliano


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.



Articolo precedenteCoronavirus: sfiorata quota 1500 nuovi positivi in 24 ore, ma 0 i decessi
Articolo successivoRestaini (FI): trasparenza sulle nomine dei direttori delle farmacie
Giuliano Francesco, siciliano d’origine ma latinense d’adozione, ha una laurea magistrale in Chimica conseguita all’Università di Catania dopo la maturità classica presso il Liceo Gorgia di Lentini. Già docente di Chimica e Tecnologie Chimiche negli istituti statali, Supervisore di tirocinio e docente a contratto di Didattica della chimica presso la SSIS dell’Università RomaTre, cogliendo i “difetti” della scuola italiana, si fa fautore della Terza cultura, movimento internazionale che tende ad unificare la cultura umanistica con quella scientifica. È autore di diversi romanzi: I sassi di Kasmenai (Ed. Il foglio,2008), Come fumo nell’aria (Prospettiva ed.,2010), Il cercatore di tramonti (Ed. Il foglio,2011), L’intrepido alchimista (romanzo storico - Sensoinverso ed.,2014), Sulle ali dell’immaginazione (NarrativAracne, 2016, per il quale ottiene il Premio Internazionale Magna Grecia 2017), La ricerca (NarrativAracne – ContempoRagni,2018), Sul sentiero dell’origano selvatico (NarrativAracne – Ragno Riflesso, 2020). È anche autore di libri di poesie: M’accorsi d’amarti (2014), Quando bellezza m’appare (2015), Ragione e Sentimento (2016), Voglio lasciare traccia (2017), Tra albori e crepuscoli (2018), Parlar vorrei con te (2019), Migra il pensiero mio (2020), selezionati ed editi tutti dalla Libreria Editrice Urso. Pubblica recensioni di film e articoli scientifici in riviste cartacee CnS-La Chimica nella Scuola (SCI), in la Chimica e l’Industria (SCI) e in Scienze e Ricerche (A. I. L.). Membro del Comitato Scientifico del Primo Premio Nazionale di Editoria Universitaria, è anche componente della Giuria di Sala del Premio Nazionale di Divulgazione Scientifica 2018 e 2019/Giacarlo Dosi. Ha ricevuto il Premio Internazionale Magna Grecia 2017 (Letteratura scientifica) per il romanzo Sulle ali dell’immaginazione, Aracne – NarrativAracne (2016).