L’angolo delle curiosità: Arte

18

L’arte si ritaglia sempre più il ruolo di linguaggio, un linguaggio di scoperta e di ricerca, a metà strada tra la filosofia e la scienza che usa materiale, sperimenta forme, contenuti, connessioni,  che si relaziona con il reale, non solo in quanto mondo fisico, ma anche come universo sociale. Un linguaggio che mette alla prova i nostri sistemi di osservazione di ricerca e comunicazione. (Simone Arcagni)

 Nella storia dell’arte sono famosi i cartoni di Leonardo da Vinci e Raffaello. I cartoni indicano i disegni preparatori che i pittori tracciano su un foglio di carta grande e molto pesante sulla superficie destinata a un dipinto o a un mosaico o un arazzo o una vetrata.

         Piero della Francesca (1415 circa – 1492 grande pittore del Quattrocento soggiornò a Roma nel 1458-59; dipinse molti affreschi ad Arezzo tra cui  la Flagellazione e la Resurrezione. Per il primo restano oscuri, oltre alla data, anche il soggetto e il rapporto tra lo sfondo e la scena in primo piano dove i personaggi hanno abiti non compatibili con la raffigurazione dell’evento sacro. Per il secondo, quando lo scrittore britannico Aldous Huxley  lo vide esclamò affermando: «è il più bel quadro del mondo»

         Albert Dürer fu nei primi decenni del XVI secolo il più famoso artista del Nord Europa che rinnovò l’arte. Ebbe come suo mecenate l’imperatore Massimiliano. Grande artista tedesco rinascimentale è stato il primo pittore moderno che ha cambiato il modo in cui noi vediamo il mondo. Ha ritratto animali frementi di vita nei loro dettagli sontuosi, donando loro personalità e il senso di esistere nello spazio e nel tempo. Proprio come se fossero esseri umani. È stato uno dei primi pittori ad eccellere nell’autopromozione. Basta osservare i suoi autoritratti, dipinti costosi. È stato un narcisista ossessionato dalla propria immagine.

         Antonio Canova, il genio del Neoclassicismo, il «nuovo Fidia», il ritrattista ufficiale dell’imperatore Napoleone Bonaparte, era richiesto da mecenati e case regnanti dell’intera Europa. Amore e Psiche, Le tre Grazie, Ercole e Lica, Venere e Adone furono alcune opere molto famose di notevole valore culturale dell’artista trevigiano.

         La fotografia, scattata l’8 giugno 1972 dal giovane fotografo vietnamita Huynh Cong, ritrae  un gruppo di bambini in fuga dopo un bombardamento al napalm su un villaggio a circa quaranta chilometri dalla capitale Saigon. I piccoli corrono disperati davanti a un gruppo di soldati sudvietnamiti incuranti di loro, del disastro che il loro esercito ha procurato. Tra i bambini c’è Kim Phuc, nove anni, una ragazzina completamente nuda, ustionata dal componente tossico dell’ordigno, Questa fotografia della ragazza è diventata un emblema del conflitto vietnamita, una icona immortale della lotta contro ogni tipo di guerra.

         L’architetto Paolo Portoghesi, ha affermato in una intervista che «l’architettura deve rispettare il luogo, integrarsi con esso, ascoltarlo. Per me costruire significa ”ascoltare” il luogo che si è scelto. Cercare una sintonia in cui si intrecciano e convivono esperienze di altri mille luoghi vicini o lontani». Per lui L’architettura “umanistica” è quella che rispetta gli equilibri della natura, ed è non solo calcolo e astrazione, è un modo per voler bene alla gente. 

         Per l’architetto umanista Renzo Piano, l’architettura, che ha a che fare con le emozioni più profonde delle persone, è l’arte di dare risposte ai bisogni reali, ma è anche l’arte di dare risposte ai sogni della gente.  Per lui l’architettura, che è lo specchio della vita, è innanzitutto un servizio.

 

 

 

 

 

 

 


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.