Al termine del canonico quadriennio, nella serata di ieri, l’Atletica Sabaudia ha provveduto al rinnovo del Consiglio Direttivo.

Nella carica di presidente è stato riconfermato Antonio Cipullo, fondatore e deus ex machina della società dall’ormai lontano 2008.

Consiglieri sono stati nominati Donato Becchimanzi, Franco Guzzi, Massimo Brugnara, Annalisa Placati, Sabrina Danieli. A quest’ultima, forte di una lunga e partecipe militanza nell’associazione, è stata affidato l’incarico di vice presidente, mentre Donato Becchimanzi ricoprirà il ruolo di segretario.

E, ghiotta novità, per la prima volta nella sua storia, l’Atletica ha un presidente onorario, individuato nella persona di Leonardo Lizzio, co-fondatore e mentore del sodalizio dall’alto della sua esperienza.

Nel corso dell’assemblea il presidente Cipullo, dopo aver ringraziato il direttivo uscente, ha ripercorso un po’ il cammino fatto dalla società negli ultimi quattro anni. Ne è sortito un bilancio sicuramente positivo.

“La società continua a progredire. Può vantare il maggior numero d’iscritti tra adulti, ragazzi e bambini, non ha bisogno di conferme, ma non può fare a meno di questa linfa vitale irrorata dagli atleti stessi, giovani e meno giovani” ha detto Cipullo ringraziando tutti i runners che in questi anni hanno gareggiato e lavorato per i colori dell’Atletica, “in particolare quel nucleo di 50-60 persone, che sono lo zoccolo duro della struttura, attorno ai quali ruota la nostra attività, svolta attraverso iniziative che riscuotono sempre molto successo tra i partecipanti, perché motivate dalla passione che muove tutto il gruppo”.

“Nel prossimo futuro – ha aggiunto il presidente – cercheremo di stringere i rapporti con altre realtà sportive del territorio regionale perché non possiamo limitarci a coltivare il nostro orticello, in quanto la crescita passa anche attraverso la condivisione delle esperienze”.

Questa dunque sarà la strada sulla quale il consiglio cercherà d’immettersi nel corso del nuovo mandato.

Antonio Cipullo ha quindi invitato i suoi ragazzi a non “arrugginirsi”: “Il covid non può destabilizzarci, non dobbiamo interrompere quel feeling che ci lega alla nostra sana pratica podistica, naturalmente nel rispetto delle precauzioni previste, al fine di farci trovare pronti alla ripartenza, quando l’ondata pandemica attenuerà la sua forza d’urto”.

Non per niente il motto dei blues è “Run for love”: quell’amore che anima tutti i soci spingendoli a non fermarsi mai nella pratica di questo semplice seppur faticoso sport, che dona salute e serenità.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.