Le grandi giocatrici del basket pontino: Daniela Di Matteo

75

Daniela Di Matteo – classe 1976, ruolo ala, 185 di altezza – ha rappresentato uno dei migliori prodotti del prolifico vivaio del basket femminile a Latina. La sua carriera è stata ricca di successi, cominciando dal secondo posto ottenuto con la nazionale azzurra categoria Cadette nei campionati europei di Poprad in Slovacchia con coach Tommei. Daniela ha chiuso la competizione continentale con 8.8 punti per gara. Nel 2003 ha partecipato all’Eurolega nelle fila del Chieti. Tante promozioni in carriera per Daniela con la maglia del Cus Chieti – sue storica società di appartenenza di lungo corso – e Marino sui Castelli Romani. La Di Matteo ha mosso i primi passi nella palla a spicchi con la Venere Basket Latina raggiungendo le finali nazionali Allieve di Castrocaro Terme nel 1990 con coach Morassi, l’anno del mondiale di calcio in Italia, quello delle noti magiche con Totò Schillaci. Attualmente Daniela è insegnante de educazione motoria, ha conseguito la laurea magistrale all’università di Chieti. Si è inoltre specializzata in management del turismo sportivo, ha lavorato come istruttrice di minibasket con Cus Chieti e Asso Sport Latina. Ha fatto parte del comitato organizzatore dei Giochi del Mediterraneo di Pescara e dei Campionati europei di basket femminile di Chieti. Quaranta anni di storia. La Cestistica Latina, club nel quale Daniela Di Matteo ha giocato nel 97-98, festeggia un bel traguardo. Da sempre nel basket femminile. Si cominciò nel 1970 con un’attività abbastanza ridotta all’ex Opera Balilla, la prima palestra creata a Latina e adatta solo agli allenamenti. Le prime partite ufficiali si svolgevano all’aperto sui campi della Parrocchia dell’Immacolata e a Palazzo Emme. C’era Luciano Di Donato – detto “Belva” – a fare l’allenatore, con direttore tecnico Marcello Zanda che giocava in serie B con la Lazio del professor Nello Paratore. Le prime ad avvicinarsi ai palloni “Voit” furono alcune ragazze di famiglia medio e alto borghese con “precedenti” in famiglia, tra i canestri, negli anni Cinquanta. Di padre in figlia, questa la filosofia del basket negli anni del boom. Lo sport al femminile, a Latina, era soprattutto ginnastica artistica, atletica, con qualche calciatrice a fare capolino come Maria Sossella di borgo Isonzo che arrivò a vestire la maglia della Lazio nel massimo campionato. La prima partita di basket tramessa dalla Rai, nel 1954, fu dedicata alla ragazze con Autonomi Torino opposta al Marsiglia, commento di Aldo Giordani. Le cose belle della Cestistica sono tante ma due meritano il posto d’onore: la promozione in serie A2 nella stagione ’87 ’88, il titolo italiano conquistato ella categoria Allieve nel 1988, a Castrocaro Terme. Allenatori delle due imprese sono stati Michele Ticconi e Gianclaudio Pennacchia. La finale giovanile ha visto la Cestistica battere le Stelle Marine Ostia 62 a 61.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.





Articolo precedenteParco Nazionale del Circeo. Si dimette il generale Ricciardi, presidente dell’Ente Parco
Articolo successivoPappacena (Movimento sport e giovani): “Il Comune di Latina immobile anche nello sport”
Paolo Iannuccelli
Paolo Iannuccelli è nato a Correggio, provincia di Reggio Emilia, il 2 ottobre 1953, risiede a Nettuno, dopo aver vissuto per oltre cinquant'anni a Latina. Attualmente si occupa di editoria, comunicazione e sport. Una parte fondamentale e importante della sua vita è dedicata allo sport, nelle vesti di atleta, allenatore, dirigente, giornalista, organizzatore, promoter, consulente, nella pallacanestro. In carriera ha vinto sette campionati da coach, sette da presidente. Ha svolto attività di volontariato in strutture ospitanti persone in difficoltà, cercando di aiutare sempre deboli e oppressi. É membro del Panathlon Club International, del Lions Club Terre Pontine e della Unione Nazionale Veterani dello Sport. Nel basket è stato allievo di Asa Nikolic, il più grande allenatore europeo di tutti i tempi. Nel giornalismo sportivo è stato seguito da Aldo Giordani, storico telecronista Rai, fondatore e direttore della rivista Superbasket. Attualmente è presidente della Associazione Basket Latina 1968. Ha collaborato con testate giornalistiche locali e nazionali, pubblicato libri tecnici di basket e di storia, costumi e tradizioni locali Ama profondamente Latina e Ponza, la patria del cuore.