Prato, il giallo del campione morto due giorni dopo essere stato dimesso

Jonathan Gaddo Giusti aveva 31 anni e probabilmente è stato vittima di infarto

70

PRATO – Jonathan Gaddo Giusti, 31 anni, dipendente di un’azienda termoidraulica di Prato e campione di Palla Grossa, l’antico gioco di Prato simile al calcio storico fiorentino, è morto qualche giorno fa tra le braccia della sua fidanzata e solo poche ore dopo essere stato dimesso dall’ospedale.

A ucciderlo probabilmente un infarto dato che la vittima, oltre a lamentare un dolore al petto, nelle recenti analisi del sangue mostrava un valore fuori dai normali parametri della troponina, una proteina indicatrice di danni miocardici e di un eventuale infarto in divenire. Per i medici, fatti tutti gli accertamenti del caso, la via delle dimissioni era quella più accreditata, starà adesso alle ricostruzioni del caso stabilire se questa è stata una decisione affrettata che non doveva essere presa. A questo proposito, l’Asl Toscana Centro e l’ospedale di Prato hanno aperto le procedure sul rischio clinico, un’indagine interna che analizza le procedure seguite e le scelte cliniche di medici e infermieri.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.