Preso grazie alle telecamere di un negozio vicino un 42enne, con precedenti, per furto nel il ristorante “Ci piace”  

26

LIVORNO – Alle ore 10.25 del 2 agosto 2022 personale appartenente all’ U.P.G.S.P. interveniva presso il ristorante “Ci Piace” ubicato in Livorno via Bacchelli 70 in quanto nella decorsa nottata ignoti si erano introdotti all’interno del suddetto locale. Sul posto gli operatori constatavano che una porta finestra del ristorante era stata divelta e che gli utensili utilizzati a detto fine (mazza e cesoie) erano ancora sul posto.

A seguito di sopralluogo veniva constatato che risultava mancare il cassetto del registratore di cassa contenente il fondo cassa equivalente a circa euro 300,00 (di cui € 270,00 circa in monete) oltre a due “Tablet Mac” utilizzati per le comande. Malgrado quanto dichiarato dal titolare, il locale al momento è privo di sistema di allarme e di videosorveglianza.

Malgrado ciò, individuata la via di accesso utilizzata dai responsabili dell’intrusione e verificato che gli stessi potevano essere passati di fronte ad altra ditta, dotata invece di impianto di videosorveglianza, gli operatori potevano acquisire le immagini relative al suddetto furto.

Dalla visione dei filmati delle telecamere della ditta vicina al ristorante si evinceva che il reo alle ore 01.02 del 02.08.2022 tentava più volte di aprire le porte d’ingresso del magazzino e la porta del negozio senza riuscirvi e successivamente veniva visto portarsi dietro il suddetto furgone con il cassetto corrispondente a quello asportato dal registratore di cassa del ristorante “Ci Piace”.

Dalla visione dei fotogrammi estratti il reo veniva riconosciuto nella persona di un quarantaduenne già tratto in arresto in data 20.04.2022 per furto presso la sede ACI-PRA di Livorno ed attualmente sottoposto all’obbligo di firma presso al P.G.

Le immagini permettevano infatti di evidenziare il taglio dei capelli, la fisionomia del volto ed in particolare i tatuaggi presenti su entrambe le braccia e sotto l’occhio sinistro.

Questi, alle antecedenti ore 01.24 era stato identificato e sottoposto a perquisizione personale con esito negativo ex art.4 L.152/75 nelle vicinanze del Centro Commerciale Fonti del Corallo e successivamente, tra le ore 4 e le ore 4.30, veniva nuovamente individuato intento a giocare, ovviamente con spendita di denaro, alle slot machine presso il Bar “Il Tramezzino”.

 

Il titolare del ristorante “Ci Piace” nella mattinata odierna al momento di formalizzare la denuncia precisava di non aver subito il furto della cassa di prosecco come invece precedentemente dichiarato alla stampa e confermava di non aver attivo alcun sistema di allarme né di videosorveglianaza.

 

I fatti evidenziano come l’adozione di adeguate misure di autotutela, come la predisposizione di sistemi di allarme e di videosorveglianza sia determinante per l’individuazione dei responsabili di fatti delittuosi, contribuendo a strutturare una collaborazione istituzionale in un’ottica di più ampio respiro di sicurezza della collettività nella quale l’impresa stessa lavora e trae profitto.

 

 

 

 

 

 


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.