Nel gennaio di quest’anno, con un lungo, articolato ed incisivo intervento, il dottor Franco Brugnola, promotore del Comitato per la Difesa del Punto di Primo Intervento di Sabaudia, nonché ex direttore amministrativo della Asl di Latina, aveva puntato l’indice contro il ritardo nell’apertura della Casa della Salute nella stessa città del Parco, in calendario lo scorso 31 dicembre 2020, ponendo l’accento sugli indiscutibili benefici che l’operatività della struttura avrebbe arrecato alla collettività locale, oggi anche alle prese con l’attività dimezzata, così come gli altri comuni pontini del circuito, del Punto di Primo Intervento, complice l’esigenza di recuperare risorse professionali per fronteggiare l’avanzata della pandemia.

Sull’argomento, molto sentito in città, ritorna stamane l’ex consigliere comunale Marcello Pastore, il quale chiede al sindaco di Sabaudia, Giada Gervasi, nell’ambito “delle sue competenze e responsabilità in qualità di Autorità Sanitaria Locale, ai sensi dell’art. 32 della legge n. 833/1978 e dell’art. 117 del D.Lgs. n. 112/1998, un cronoprogramma relativo all’istituzione della Casa della Salute in città”.

“Come noto – scrive Pastore – la mancanza della Casa della Salute impedisce a noi residenti di poter fruire del Livello di Assistenza distrettuale previsto dal DPCM 12 gennaio 2017 e ci pone in grave disuguaglianza nei confronti degli abitanti di altri comuni limitrofi proprio in un momento in cui l’epidemia avrebbe richiesto un potenziamento di questo tipo di prestazioni”.

L’ex consigliere confida “in una chiara e trasparente informazione, per conoscere, così come tutti i cittadini di Sabaudia, l’evolversi della situazione”.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.