Schizzi di sangue e siringhe, i pendolari di San Rossore denunciano il degrado

Alle prime luci dell'alba la situazione è sempre la stessa

112
Foto Simone Ricoveri

PISA – Ogni giorno decine di pendolari si trovano davanti ad una scena di abbandono e disagio, con siringhe e sangue che campeggiano sulle banchine della stazione di Pisa San Rossore. Il luogo è da anni ritrovo di tossicodipendenti e il sevizio di pulizia di Rfi, alle prime luci dell’alba, non ha ancora provveduto alla pulitura della stazione. Così i primi viaggiatori in transito si confrontano giornalmente con sporcizia e degrado.

La situazione è stata denunciata da residenti ed utenti che, in transito nella stazione di Pisa San Rossore, sovente s’imbattono in siringhe usate e schizzi di sangue, una situazione particolarmente pericolosa per i più piccoli. Una presenza di disagio sociale che il coprifuoco non ha arrestato e che da anni popola la stazione pisana, l’allontanamento e i controlli però non farebbero che spostare il problema in un altro luogo, che diverrebbe anch’esso teatro di degrado. Il problema, di apparente facile risoluzione, è in realtà complesso. Il coro unisono dell’utenza è di procedere alla pulizia consentendo ogni mattina una stazione dignitosa in concomitanza con il primo treno in partenza.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.