Scienziati realizzano legno artificiale resistente al fuoco e all’acqua.

257

 

Il legno artificiale creato da scienziati cinesi risulta un nuovo materiale leggero e forte in grado di resistere al fuoco e all’acqua.

Come è stato possibile creare un legno artificiale con qualità straordinarie?

E’ stato necessario aggiungere del chitosano , un polisaccaride ricavato dagli esoscheletri dei gamberetti e dei granchi ad una soluzione polimerica. Liofilizzare tale soluzione e produrre una struttura ricca di  minuscoli pori e canali supportati dal chitosano. Quando la resina viene riscaldata ad una temperatura superiore ai 200° gradi si ottengono dei legami chimici molto forti. In questo modo il legno artificiale ha una resistenza allo schiacciamento maggiore al legno tradizionale.

Nell’articolo pubblicato sulla rivista Science Advances, secondo Shu-Hong Yu, chimico dei materiali presso l’Università di scienza e tecnologia della Cina, si evidenzia come il legno artificiale sarà in grado di apportare notevoli vantaggi rispetto al legno naturale.

Quali sono i  vantaggi ottenuti dal legno artificiale?

Il nuovo legno artificiale non è soggetto alla corrosione nel tempo dovuta alla idrofilia come per il legno naturale. Non servirà quindi ricorrere a trattamenti chimici o meccanici per creare una idrorepellenza. Evitando così un aumento consistente dei costi  e di quei  processi produttivi più lunghi e complicati.

Non sarà necessario aspettare molti anni per la crescita come per il legno naturale.

Le qualità di idrorepellenza e resistenza alla corrosione consentono al legno artificiale di venire a contatto con agenti corrosivi come l’acido solforico (pH=3) per oltre un mese senza perdere la caratteristica di resistenza meccanica allo schiacciamento.

La sua costituzione chimica consente di non accendersi se non con molta difficoltà e in tal caso è sufficiente rimuoverlo dalle fiamme per smettere di bruciare.

Inoltre presenta intrinsecamente eccezionali vantaggi, come la rinnovabilità, la biodegradabilità, l’eccellente tenacità e la possibilità di nuove funzionalità .

Questi legni polimerici, diversamente da altri materiali sintetici come i materiali ceramici cellulari e i materiali aerogel  presentano una forte resistenza specifica e una spiccata proprietà di isolamento termico.

Dove può essere utilizzato questo legno artificiale?

Molti scienziati, soprattutto gli esperti della scienza dei materiali, come  Lennart Bergström, scienziato dei materiali presso l’Università di Stoccolma in Svezia, non coinvolto nella ricerca,  pongono il suo utilizzo negli imballaggi resistenti agli urti, mentre per la sua  porosità  potrebbe essere utilizzato per intrappolare molecole d’aria, una caratteristica utile  per la coibentazione degli edifici. Inoltre l’impiego di alternative eco-friendly ,  alle resine polimeriche potrebbe aumentare l’interesse per il materiale. Tali nuovi materiali biomimetici potrebbero quindi diventare un’alternativa al legno naturale in tutti quegli ambienti che hanno condizioni climatiche estreme.

 


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.



Articolo precedenteDa oggi Latina ha un nuovo questore, Michele Spina. Buon Lavoro !
Articolo successivoLa provincia di Latina protagonista stamane sulle reti RAI, con Marco Omizzolo e Formia
Laurea e formazione scientifica in area biomedica. Divulgatore scientifico in genetica, fisica ambientale e comunicazione digitale. Si occupa di ricerca in ambito socio-antropologico nel territorio pontino. Science editor in testate scientifiche.