LATINA – Il Questore di Latina ha adottato tre provvedimenti di Daspo Urbano nei confronti di altrettanti giovani pontini che, nella notte dell’11 agosto 2022, per futili motivi, si resero responsabili di un’aggressione ai danni di un altro giovane, “colpevole” di aver scattato un selfie con la fidanzata di uno dei tre. Nella circostanza venne colpita anche la sorella intervenuta a difesa del familiare.
I tre aggressori furono quindi denunciati per i reati di minacce, percosse e lesioni in concorso. E proprio per arginare i sempre più frequenti casi di violenza in luoghi di incontro o svago, vengono azionati tutti gli strumenti già utilizzati contro gli ultrà in ambito sportivo, come appunto quello di impedire a giovani che si rendono autori di violenze in zone con numerosi locali pubblici e ad alta frequentazione, di stazionare nelle vicinanze dei locali pubblici per un periodo da sei mesi a tre anni, in analogia appunto per i soggetti colpiti dal DASPO sportivo. I tre destinatari del Daspo Urbano, aventi rispettivamente anni 20, 19 e 18 sono sottoposti al divieto, per due anni, di frequentare locali pubblici o aperti al pubblico destinati alla somministrazione di alimenti e/o bevande quali pub, taverne, bar e ristoranti nonché locali di pubblico intrattenimento quali discoteche, locali notturni, locali da ballo, ed affini ricadenti nell’area del lungomare del Comune di Latina (LT). In caso di violazione i destinatari rischiano la reclusione da 6 mesi a 2 anni e la multa da 8.000 a 20.000 euro.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.