LATINA – Si stacca il ramo di un albero in pieno centro, ferita gravemente una donna di 45 anni in fila per entrare in un negozio. Una donna di 45 anni di Latina è rimasta ferita, oggi poco prima ddellora di pranzo, per la caduta di un ramo di un albero. E’ successo sul marciapiede di viale Cesare Augusto nel centro della città. La donna era in fila prima di entrare in un negozio della zona quando è stata centrata dal ramo che è caduto da una altezza di oltre cinque metri.

La signora è stata subito soccorsa e trasportata in ospedale in condizioni molto serie, secondo quanto hanno riferito alcuni testimoni la signora sarebbe stata cosciente quando sono arrivati i soccorritori del 118 ma ha riportato un trauma cranico e ha perso sangue.

Un incidente che ha subito alimentato la polemica nei confronti del Comune, reo secondo la consigliera comunale di Fratelli d’Italia, Matilde Celentano, di non aver curato la potatura e la manutenzione del verde pubblico in città.
«Quanto accaduto quest’oggi – scrive nel suo intervento la Celentano – in via Cesare Augusto a Latina, dove una donna è stata colpita da un ramo staccatosi da un platano, è una cronaca annunciata. Già ad inizio giugno si era sfiorata la tragedia, quando un altro ramo finito a terra per poco non centrava un uomo sul marciapiede. Mi auguro che la donna rimasta ferita oggi non abbia riportato lesioni importanti e che guarisca al più presto.
Questi episodi sono inaccettabili. La pericolosità delle condizioni in cui versano i platani di via Cesare Augusto è nota da tempo al Comune, ciononostante non si è provveduto con interventi di manutenzione del verde. Il pericolo per la pubblica incolumità non è costituito soltanto dal rischio caduta di rami o intere piante ma anche dalla copertura dell’impianto semaforico tra via Cesare Augusto, via Botticelli e via Alfieri. Le chiome degli alberi impediscono agli automobilisti di vedere la segnalazione di rosso o verde. Già si sono verificati incidenti stradali in quel punto.
Ricordo l’ex assessore Roberto Lessio affermare in commissione Trasparenza della volontà di inserire particolari sensori in grado di avvisare preventivamente su eventuali cedimenti. Che fine hanno fatto questi sensori?
Ancora una volta ci troviamo di fronte a una mancata programmazione di interventi da effettuarsi per la cura del verde. Non vorrei finisse come per viale Mazzini, con un taglio radicale delle alberature. Non vorrei che il Comune si ritrovasse presto a pagare un conto salato per i danni arrecati. Urgono iniziative volte alla tutela della sicurezza pubblica di cui è responsabile il primo cittadino.
Prevenire è meglio che curare e Damiano Coletta dovrebbe saperlo bene, vista la sua professione di medico prima di diventare sindaco. Quindi che si attivi con gli uffici preposti e l’assessorato all’Ambiente con un capillare controllo del verde pubblico e in particolare il monitoraggio degli alberi e dei rami come da capitolato e non aspettare di essere travolto dagli eventi».


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.