Toscana in bilico fra il giallo e l’arancione. Ad oggi dovrebbe essere ancora zona gialla

L'Rt dovrebbe attestarsi allo 0,96 che garantirebbe un'altra settimana in giallo

401
Foto da "Il Tirreno"

FIRENZE – Si saprà con certezza solo venerdì, quando la cabina di regia, in base ai dati trasmessi dalle regioni, darà la nuova tavola dei colori delle regioni. Quella tavolozza con cui abbiamo ormai imparato a convivere. Con tutta probabilità alla Toscana spetta un’altra settimana in giallo.  L’indice di contagio Rt, nella regione del pegaso, rimane sotto la soglia di 1. Al superamento di questo dato scattano le restrizioni più dure rispetto a quelle in vigore adesso, restrizioni che andrebbero a colpire soprattutto gli spostamenti fra comuni e le chiusure di alcune attività oggi aperte.

Il dato medio di Rt calcolato dovrebbe risultare 0,96, molto vicino alla soglia fatidica dell’1. Il monitoraggio fa riferimento alla settimana 14-20 gennaio in cui si era registrata una leggera flessione di casi positivi rispetto a quella precedente. Si registra un’ulteriore diminuzione della pressione sulle strutture ospedaliere: ieri erano 772 i ricoverati nei letti Covid in Toscana, di cui 109 in terapia intensiva.

«I dati sono oggettivi e gli occhi di tutti: spero che proprio per questo anche la prossima settimana possiamo rimanere per la quinta settimana in zona gialla. Mi sembra che la situazione sia sotto controllo, però su questo devo dire grazie ai cittadini della Toscana al loro senso di responsabilità e di misura» fa sapere il governatore Eugenio Giani. Potrebbe essere quindi la quinta settimana di fila in zona gialla, che darebbe respiro a tutte le attività duramente colpite dall’inasprimento delle misure. Da valutare se il nuovo governo lascerà invariato l’impianto dell’Italia a colori.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.