Toscana: interrogazione in aula sulla vicenda dei 200 ventilatori polmonari acquistati da Estar

L'Assessore Bezzini al termine dell'interrogazione: “Tenuto conto dell’evolversi della vicenda non si ritiene opportuno procedere con alcuna azione disciplinare né con ogni conseguente azione”.  

69
Foto da Panorama della Sanità

FIRENZE – 12 gennaio 2021

La consigliera Irene Galletti (M5S) ha portato in aula, mediante una ricostruzione puntuale dei fatti tramite articoli stampa della scorsa primavera, la vicenda iniziata a Marzo 2020, quando la Regione Toscana, in piena emergenza sanitaria e con un drammatico bisogno di aumentare i posti letto di Terapia Intensiva, decise di acquistare 200 ventilatori polmonari tramite l’Estar (centrale acquisti regionali), versando una somma di 7 milioni di euro, con procedura d’emergenza, all’azienda Assoservizi srl di Milano, intermediaria con la Cina. I ventilatori polmonari non arrivarono e un’inchiesta fu aperta dalla Procura di Firenze: il titolare della ditta milanese e due funzionarie di Estar (la direttrice generale e la direttrice dell’area attrezzature informatiche e sanitarie) furono iscritti sul registro degli indagati.

Durante l’interrogazione, l’Assessore alla Sanità Simone Bezzini ha prima di tutto ricordato che la Giunta Regionale non è in possesso di notizie sullevolversi delle indagini svolte dalla Procura di Firenze, in merito all’oggetto dell’interrogazione, ha fatto presente che la Regione, in attuazione del Decreto Rilancio, ha approvato nel giugno scorso una deliberazione con la quale sono stati definiti i nuovi posti letto da terapia intensiva (536) e di sub intensiva (130); a seguito di questa è stato richiesto ad Estar di garantire immediatamente la fornitura di 180 ventilatori da terapia intensiva, da consegnarsi entro il 15 settembre 2020, in previsione della seconda ondata di Covid. Successivamente, nellambito del contratto stipulato con Assoservizi, sono stati ritirati 180 ventilatori polmonari, attualmente dislocati nei vari reparti delle aziende sanitarie.
Bezzini ha inoltre informato che gli ulteriori 20 ventilatori pagati da Estar non sono stati ritirati alla Dogana, in quanto non conformi allordine effettuato, determinando un parziale inadempimento contrattuale da parte del fornitore, che ha portato al conferimento di un incarico al legale di Estar per una causa ordinaria per la restituzione del controvalore degli stessi ventilatori. L’assessore ha in aggiunta dichiarato che la Regione ha atteso fino ad oggi per lattivazione della causa, in modo da poter avere il quadro completo dei costi da richiedere ad Asso servizi, ricordando che per quanto concerne lanticipo del pagamento IVA relativo alla complessiva fornitura dei 200 ventilatori, pari a 1milione e 291,928 euro, è stato ottenuto il decreto ingiuntivo dal Tribunale di Milano per il recupero dellimporto ed è stata conferita procura per dare esecuzione allo stesso.
Tenuto conto dellevolversi della vicenda ha concluso non si ritiene opportuno procedere con alcuna azione disciplinare né con ogni conseguente azione.  


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.