Usb denuncia: “In Esselunga vietato bere ed alzarsi durante il turno di lavoro in cassa, è lesivo della dignità”

Straordinari sistematici e turni comunicati giornalmente. Usb: "Dobbiamo garantire la dignità del lavoro"

120
LIVORNO – La denuncia arriva dall’Unione sindacale di base (Usb) che attacca Esselunga, dove la dignità delle lavoratrici e dei lavoratori sarebbe venuta meno:
“Dovrebbe essere una cosa normale e scontata, in qualsiasi azienda che si rispetti, poter prendere una sorsata d’acqua durante il turno di lavoro magari in un momento di calma dopo qualche ora in cassa con caldo e mascherina . Oppure semplicemente alzarsi un attimo per sgranchirsi le gambe. All’Esselunga di Livorno non è così. O meglio, è vietato tenere una bottiglia d’acqua in cassa, considerata un “oggetto personale” e per poter semplicemente bere bisogna seguire una procedura particolare chiedendo prima il permesso. Tradotto? Non è possibile bere. Bisogna aspettare le rare pause, recarsi a prendere la propria bottiglia d’acqua e sostare in un luogo predefinito “consumando” la propria pausa per poter soddisfare il primo bisogno fisiologico di cui l’uomo e la donna necessitano. Va da sé che anche in momenti di emergenza, magari con parecchia gente in fila alla cassa, si decida di resistere e aspettare. Non sempre però le cose vanno come l’azienda vorrebbe”.
USB commercio ha raccolto la segnalazione di una lavoratrice, a cui non è stato poi rinnovato il contratto. Comportamento che ha avuto anche delle conseguenze. La cassiera in questione nell’ottobre dello scorso anno, aveva chiesto al proprio superiore di poter bere durante il turno di lavoro a causa di un problema di salute. Insieme alla richiesta aveva anche comunicato la propria disponibilità a produrre un certificato in quanto il proprio medico aveva prescritto una cura specifica (a seguito di una cistite).La lavoratrice, dopo qualche giorno senza poter bere con frequenza, ha subito un ricovero presso l’ospedale di Livorno per una infiammazione acuta ai reni. Proprio in queste settimane anche lei è finita nella lista di chi non ha ricevuto il rinnovo del contratto dopo un anno di lavoro. Insieme a lei anche altri. L’azienda non ha motivato questa decisione in maniera precisa.
Ma le problematiche segnalate non finiscono qui. Oltre agli straordinari sistematici i turni venivano comunicati di giorno in giorno senza dare alcuna possibilità ai lavoratori e alle lavoratrici di organizzarsi una propria vita al di fuori del lavoro:
“Rifiutarsi voleva dire, con tutta probabilità, non vedersi rinnovato il contratto -tuonano da Usb- e a tal proposito la nostra organizzazione sindacale ha inviato una richiesta direttamente all’azienda chiedendo spiegazioni ma la stessa non si è ancora degnata neanche di rispondere. Nei prossimi giorni come Unione Sindacale di Base Commercio saremo presenti di fronte al punto vendita con un presidio e una conferenza stampa per sostenere le ragioni dei lavoratori e delle lavoratrici e chiedere il reintegro immediato della nostra iscritta”.

News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.