LATINA – “A seguito di un delicato intervento che ho subito ma da cui mi sto prontamente riprendendo, desidero esprimere la mia profonda gratitudine nei confronti di medici, infermieri e di tutto il personale sanitario dell’Istituto ICOT “Marco Pasquali” di Latina, eccellenza del territorio pontino di cui ciascuno di noi deve andare fiero ed orgoglioso”. A scriverlo, in una lettera aperta pubblicata sul suo profilo Facebook, è l’ex sindaco di Latina Vincenzo Zaccheo.

“Un ringraziamento particolare va al Dott. Emmanuel Miraglia, Presidente del Gruppo Giomi, al Prof. Antonio Carbone, Responsabile della UOC di Urologia, alla sua professionale equipe, nonché a tutto il personale medico e paramedico dell’Istituto, tra cui tante ragazze e ragazzi che quotidianamente dedicano passione, impegno e amore nell’assistere i pazienti, cercando di metterli a loro agio e aiutandoli a superare più agevolmente la malattia. È grazie alle loro amorevoli cure se, a distanza di circa un mese, sto cercando gradualmente di ritornare alla normalità.

Impegnato da più di trent’anni in attività di cura, chirurgia e riabilitazione, gli oltre 60.000 pazienti che ogni anno vi si rivolgono da tutta Italia per prestazioni di ricovero e pronto soccorso testimoniano l’elevato livello tecnico-scientifico raggiunto dall’Istituto, divenuto nel tempo un punto di riferimento non solo per Latina e la sua provincia, ma anche per il Paese. Al contempo, la vastità su cui si estende il nostro territorio e la conseguente elevata richiesta di cure mediche, rende più che mai necessaria la costruzione di un nuovo ospedale.

Ho sempre avuto una particolare attenzione verso il Santa Maria Goretti il quale, progettato negli anni ’50 e finito di realizzare negli anni ’60, presenta tuttavia problemi strutturali per quanto riguarda sicurezza, modernità, ubicazione, non rispondendo ai parametri tabellari del Ministero della Salute: per tale motivo, fin dal giorno dopo in cui divenni Sindaco, mi sono battuto per una nuova struttura pubblica, in grado di dare risposte immediate alle utenze e dignità a tutto il personale medico e paramedico del Goretti, impegnato quotidianamente con dedizione e sacrificio nonostante le mille difficoltà dovute alle carenze del nosocomio. In questo senso, ho portato avanti il progetto del nuovo ospedale di Borgo Piave – approvato all’unanimità in Consiglio Comunale, Regionale e inserito nel piano sociosanitario tuttora vigente – e di quello del Golfo – affiancando il compianto Sen. Michele Forte in questa battaglia.

Spesso si fa riferimento al diritto lavoro, ma ritengo che il diritto fondamentale di un essere umano sia quello alla salute, come riporta a chiare lettere la nostra Costituzione: “La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto all’individuo e interesse della collettività”. Pertanto, essa rappresenta un diritto che mai e poi mai deve essere negato, a nessuno. Da qui deve ripartire il rilancio della nostra amata città: da esempi di eccellenza come l’ICOT, dai quali bisogna prendere esempio per professionalità ed organizzazione e che permettono a tutto il territorio di beneficiarne; penso, ad esempio, alla stretta collaborazione tra ICOT ed Università, che ha permesso di introdurre nuove metodologie e tecnologie – sia diagnostiche che di cure – e trattamenti chirurgici come quelli mini-invasivi con robot Da Vinci, del quale io stesso ho beneficiato; penso alle decine e decine di studenti di medicina che possono svolgervi i tirocini pratici, formandosi e trovando poi impiego nel nuovo ospedale del Golfo e in quello di Latina, i quali da troppo tempo aspettano di vedere la luce.

Intendo esprimere i miei migliori auguri al nuovo Presidente della Regione Lazio Francesco Rocca, che ho l’onore di conoscere da tantissimi anni. Il suo impegno nel sociale e nella sanità pubblica ha varcato i confini nazionali, avendo un seggio permanente alle Nazioni Unite in quanto Presidente della Croce Rossa Internazionale: con grande speranza ho appreso durante la campagna elettorale che la sua priorità in assoluto è la sanità, partendo dalla situazione vergognosa e disumana in cui versano i pronto soccorso del Lazio, di cui Latina non fa certo eccezione.

Auspico che fra i primi provvedimenti che l’amministrazione Rocca vorrà mettere in campo per la nostra provincia vi sia la realizzazione del nuovo ospedale di Latina a Borgo Piave, di quello del Golfo, nonché l’innalzamento dell’offerta universitaria del polo pontino, facendosi promotore di un tavolo di confronto tra la Sapienza e l’ICOT. Lottiamo uniti per una sanità migliore per il nostro territorio” chiosa Zaccheo.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.