Ci ha lasciato don Giuseppe Mazzoli, il parroco che amava lo sport

272
La chiesa di San Matteo a Latina

Don Giuseppe Mazzoli, per anni parroco di San Matteo in via Nascosa a Latina, ci ha lasciato lasciando nello sconforto i suoi parrocchiani e l’intera comunità di Norma, amatissimo paese di origine. La sua è stata una vita ricca e piena di esperienze e di incontri, in mezzo alla gente. La missione pastorale è stata contrassegnata da un grande impegno nel sociale, il carattere boario e sorridente gli ha procurato tante simpatie facendo diventare la civettuola chiesa di San Matteo un punto di riferimento importante per il mondo cattolico di Latina. La parrocchia di periferia è diventata un centro pulsante, ricca di storie a lieto fine. Le commosse testimonianze degli amici concordano nel descrivere un prete intelligente, colto, dal cuore grande, capace di dialogare con tutti, ricco di talento e dal cuore buono. Lo piangono tanti parenti e amici. Lo abbiamo conosciuto allo stadio Francioni di Latina nel lontano 1991. Era stato Don Mazzoli a coinvolgere la ditta Alg di Calandrini, Guarnacci e Pompili a sponsorizzare il Latina Calcio in serie C. Lui assisteva alle partite in tribuna assieme ai tifosi nerazzurri più veraci con tanto di campanaccio, come si usava una volta. Ci piace ricordarlo così, il prete tifoso che non smetteva mai di incitare i suoi beniamini, anche nei momenti peggiori.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.





Articolo precedenteVaccini; Assessore Bezzini: Entro maggio il 30% dei toscani in sicurezza. Poi spiega successi e difficoltà della Regione
Articolo successivoLatina nel dopoguerra, il grande lavoro degli sminatori per bonificare i terreni minati da ordigni bellici
Paolo Iannuccelli
Paolo Iannuccelli è nato a Correggio, provincia di Reggio Emilia, il 2 ottobre 1953, risiede a Nettuno, dopo aver vissuto per oltre cinquant'anni a Latina. Attualmente si occupa di editoria, comunicazione e sport. Una parte fondamentale e importante della sua vita è dedicata allo sport, nelle vesti di atleta, allenatore, dirigente, giornalista, organizzatore, promoter, consulente, nella pallacanestro. In carriera ha vinto sette campionati da coach, sette da presidente. Ha svolto attività di volontariato in strutture ospitanti persone in difficoltà, cercando di aiutare sempre deboli e oppressi. É membro del Panathlon Club International, del Lions Club Terre Pontine e della Unione Nazionale Veterani dello Sport. Nel basket è stato allievo di Asa Nikolic, il più grande allenatore europeo di tutti i tempi. Nel giornalismo sportivo è stato seguito da Aldo Giordani, storico telecronista Rai, fondatore e direttore della rivista Superbasket. Attualmente è presidente della Associazione Basket Latina 1968. Ha collaborato con testate giornalistiche locali e nazionali, pubblicato libri tecnici di basket e di storia, costumi e tradizioni locali Ama profondamente Latina e Ponza, la patria del cuore.