E’ morto il bracciante indiano rimasto senza un braccio. Le gravi responsabilità dei datori di lavoro

639

Non ce l’ha fatta Satnam Singh il 31enne bracciante indiano rimasto gravemente ferito con l’amputazione di un braccio a seguito di un incidente sul lavoro accaduto lunedì scorso nelle campagne di Latina.

L’uomo era stato ricoverato al San Camillo di Roma in gravissime condizioni, dove è morto questa mattina, dopo che era stato scaricato fuori alla sua abitazione insieme alla moglie anziché essere portato in ospedale.

L’incidente che gli è costato la vita è avvenuto lunedì. Mentre lavorava nei campi è stato agganciato da un macchinario avvolgi plastica a rullo trainato da un trattore che gli ha tranciato il braccio destro, schiacciando anche gli arti inferiori. L’urto è stato terribile, il macchinario compie 400 giri al minuto e ha tranciato di netto il braccio al povero Satnam.

Bastava agire con rapidità per salvargli la vita, ma i titolari dell’azienda hanno cercato di nascondere il fatto, mettendo l’arto in una cassetta della frutta, portando il ferito a 4 KM da casa, rallentando così i soccorsi. Un atto davvero indecente che andrà punito.

I braccianti indiani in provincia di latina sono oltre 15mila e la maggior parte lavora nelle aziende agricole. Gli immigrati nel pontino sono oltre 37mila. Senza di loro l’agricoltura si fermerebbe.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.