Home Spettacoli&Eventi Il Trionfo di Galatea di Raffaello

Il Trionfo di Galatea di Raffaello


Il mito è quel pensare e parlare per immagini, che è una delle cifre emblematiche dello spirito umano. Giovanni Reale

Un’altra superba creazione di Raffaello, databile 1512, è Il Trionfo di Galatea affrescata a Roma, nella villa della Farnesina, per il ricco banchiere di origine senese Agostino Chigi. Agostino Chigi, consigliere finanziario personale di papa Giulio II, fu nei primi anni del XVI secolo uno dei più importanti committenti romani di Raffaello, chiamato e incaricato a decorare la villa suburbana, nota come la Farnesina, situata nel quartiere romano di Trastevere, ai piedi del Gianicolo.                                                                                                                                       Fra il banchiere e l’artista di Urbino vi era una particolare affinità inerente la passione smodata per le donne, per la bellezza femminile, testimoniata in maniera inequivocabile dallo storico dell’arte Giorgio Vasari, il quale scrive: «Fu Raffaello persona molto amorosa et affezzionata alle donne, e di continuo presto ai servigi loro. […] Onde facendogli Agostin Chigi, amico suo caro, dipingere nel palazzo suo la prima loggia, Raffaello non poteva molto attendere a lavorare per lo amore che portava ad una sua donna; per il che Agostino si disperava […] e operò sì che appena ottenne che questa sua donna venne a stare con esso in casa continuamente, in quella parte dove Raffaello lavorava, il che fu cagione che il lavoro venisse a fine».                                                                                                                                L’affresco famoso «Il Trionfo di Galatea», eseguito per il grande e facoltoso committente, doveva servire per decorare la Loggia di Psiche, a piano terra della villa romana, costruita da Baldassare Peruzzi, su lungo Tevere della Lungara.  Lo stesso Peruzzi realizzò un grande affresco sul soffitto di una loggia, la cui decorazione fu proseguita da Sebastiano del Piombo che eseguì la figura del ciclope Polifemo di fianco al quale Raffaello affrescò Il trionfo di Galatea. In questo significativo contesto artistico e in continuità iconografica s’inserì l’incantevole opera di Raffaello che prese lo spunto dai testi importanti di autori classici (Teocrito, Ovidio, Apuleio) e in particolare da alcuni versi delle Stanze per la Giostra del poeta fiorentino, Angelo Poliziano, che descrivono Galatea e i compagni mentre passano davanti a Polifemo.                                                                                                                               Il dipinto d’ispirazione classica si rifà al mito secondo cui la giovane figlia di Nereo, incantevole divinità marina, guarda all’Amore divino, mentre gli altri, colpiti dalle frecce, a quello sensuale. La ninfa splendida e maestosa, che risalta come una perla, è rappresentata in piedi sulla conchiglia trainata vigorosamente da due festosi delfini in un mare stranamente calmo che la portano in salvo da Polifemo. La figura principale dell’affresco, Galatea, «la Venere dell’acqua», è ritratta con la tecnica della serpentina tra numerosi altri corpi che si agitano nell’acqua, mentre in cielo volano elegantemente alcuni cupidi.                                                                                                       La composizione generale dell’affresco è dominata dal ritmo creato dal movimento ondulatorio dei personaggi raffigurati. Infatti nel rosso pompeiano del mantello che l’avvolge, emerge la nereide Galatea in bilico, con il suo corpo in torsione; un tritone afferra un’altra ninfa che cerca di svincolarsi dalla stretta violenta, mentre una terza naiade si aggrappa alle spalle di un centauro. Sullo sfondo della lucentezza del mare vi sono l’occhio vigile di Eros e gli amorini pronti a scagliare con raffinatezza dal cielo le loro frecce.                                                                                                                                                                     L’amico Baldassarre Castiglione, di fronte a quest’opera armoniosa e incredibilmente affascinante, rimase estasiato da tanta perfezione, riscontrabile nel leggiadro aspetto di Galatea, nel suo atteggiamento sensuale, nella torsione a spirale del corpo e nell’intenso sguardo verso l’alto, verso il putto nascosto dietro la nuvola, e chiese all’artista urbinate quale fosse stata la modella prescelta, ma rimase deluso della risposta, perché Raffaello aveva solamente seguito una particolare idea che aveva in mente e aveva dipinto con semplicità e naturalezza.                                                                                                                               In questo raffinato “brano” pittorico di perfezione estetica, dove il mito antico rivive con calore fantastico, la monumentale plasticità di Galatea e la raffinata narrazione iconica dell’evento mitologico, mostrano come Raffaello avesse acquisito nel corso della sua breve esistenza una profonda conoscenza dell’arte classica e una notevole capacità di confrontarsi con l’antichità.                                                                                                                           Ha scritto lo studioso di arte rinascimentale, Antonio Forcellino, nel libro Raffaello Una vita felice, che il dipinto di Raffaello nella casa degli ozi di Agostino Chigi «avrebbe segnato per sempre la cultura figurativa successiva per la sua capacità di far rivivere l’antichità classica non soltanto come evocazione, ma come vivo e profondo sentimento della natura, della felicità e dell’universo»

 

 


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.