Incontro fra Nardella e Commisso sullo stadio. Il patron viola non ha intenzione di mettere soldi

Fra pochi giorni la posa della prima pietra del centro sportivo più grande d'Italia

85
Rocco Commisso e il sindaco Nardella - foto La Nazione

FIRENZE – Un breve incontro nella giornata di ieri fra il primo cittadino di Firenze e il presidente Rocco Commisso. A Palazzo Medici Ricciardi, dove si è tenuto l’incontro, Nardella ha confermato l’intenzione di procedere con un importante restyling dello stadio Franchi, come emerso nelle scorse settimane. Sulla possibilità di un nuovo impianto a Campi Bisenzio, il sindaco conferma piena disponibilità a fare le opportune valutazioni, insieme al comune di Campi e alla Regione Toscana. Un piano di fattibilità tecnica ed economica.

“Siamo andati in una località vicino l’aeroporto e lì è stata un’altra buffonata: non erano pronti e volevano solo i soldi di Rocco per mandare avanti la zona. Ora siamo al punto di prima, con Campo di Marte, col Franchi -dichiara Commisso- la sovrintendenza mi ha detto che non potevo fare quello che volevo e io ho risposto: se è un monumento, portate i soldi voi, perché ai monumenti deve pensarci lo Stato. Rocco non metterà più soldi in questo stadio”. Queste le dure parole rilasciate in radio dal patron viola.

Poi esterna la volontà di lasciare qualcosa alla Fiorentina, un club che dal 1926 non possiede proprietà: “Fra pochi giorni metteremo la prima pietra per il centro sportivo, che sarà il più grande d’Italia, con i suoi 26 ettari, e costerà 85 milioni”.

Poi si sofferma sul caso Chiesa, che a Firenze ha lasciato una ferita: “Chiesa? É  voluto andare via e se n’è andato, ora contribuisce ai successi della Juventus. I calciatori, con i loro procuratori, sono delle piccole imprese: è un calcio malato in un certo senso”


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.



Articolo precedenteMarocchino già espulso tenta di violentare una volontaria del centro diurno, salvata dagli altri ospiti
Articolo successivoUn flash mob della Cisl per chiedere l’immediata approvazione del farmaco che cura il Covid prodotto a Latina
Giurista e giornalista pubblicista dell'Ordine della Toscana, ho vissuto a Firenze, Parigi e Roma senza mai smettere di essere livornese. Per il mio territorio nutro un interesse atavico, un amore senza condizioni. La mia seconda Casa è l'isola d'Elba. Appassionato di scrittura sin dalla più tenera età, gestisco la sezione Toscana della testata oltre ad altre collaborazioni online e su carta stampata.