L’assurdo della povertà e della disuguaglianza: lettera da una cittadina alle istituzioni

Pubblichiamo la lettera che abbiamo ricevuto da una nostra lettrice, rivolta ai cittadini e alle istituzioni.

116

PISA – 1 dicembre 2021

“Ieri, 29 novembre verso le 11, in piazza San Paolo a Ripa d’Arno, mentre parcheggiavo la maccchina, ho notato un ragazzo giovane, di origini asiatiche, in piedi, appoggiato al muro dell’Arno.
Infreddolito, immobile.
Indossava una felpa leggera e pantaloni sdruciti. Faceva freddissimo.
Lo sguardo fisso. Non chiedeva niente. Dietro la testa, appoggiato sulla spalletta dell’Arno, un sacchetto di plastica con pochissime cose. Mi sono avvicinata e gli ho chiesto se aveva bisogno offrendogli anche dei soldi per mangiare che ha rifiutato.
Insisto nel volerlo aiutare e mi risponde che voleva andare alla Caritas. É qui da due giorni proveniente da Roma.
Chiamo la Caritas, non fanno interventi di questo tipo ma​ avrebbe potuto recarsi presso la sede.
Mi rivolgo al Comune dove mi mettono in contatto con i vigili che, a loro volta, mi fanno chiamare dal Responsabile “DELL’ UNITA DI STRADA’ signor Renato che provvede ad un immediato intervento.
Attendo il loro arrivo e conosco RICCARDO, un uomo straordinario che parla da padre con il ragazzo che si apre sempre di più. Gli offre un sacco a pelo e degli indumenti. Li rifiuta. Nel frattempo arriva un senza dimora conosciuto dall’operatore.
I tre parlano e Riccardo visto che questo andava alla mensa di via Mazzini lo invita a portare con sé il ragazzo perché aveva socializzato bene con lui.
Riccardo ha dato appuntamento ai due per la cena delle 22 in piazza san Paolo all’Orto.

Passano a passo svelto davanti alla chiesa verso un pasto caldo, per il ragazzo forse il primo da due giorni.
Poco prima,​ l’anziano senza dimora era salito sulla spalletta dell’Arno per strizzare i panni prelevati da una busta. Riccardo lo ha invitato a scendere perché pericoloso. É sceso immediatamente.
Ho voluto raccontare l’accaduto per l’impatto umano che ha avuto su di me e per proporre alle istituzioni di attivare un NUMERO BREVE per​ ​ il servizio “UNITA’ DI STRADA” come per le emergenze e PUBBLICIZZARLO.
Allego alcune foto che mostrano​ un essere umano SOLO, accudito per caso anche da un anziano homeless.
Auguro a questo ragazzo di poter trovare conforto alla sua disperazione e solitudine.
Mi sono sempre chiesta perché sia cosi difficile risolvere il problema della disuguaglianza e della povertà nel mondo.”


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.



Articolo precedenteLazio, Acampora: “con il consorzio industriale del Lazio importanti prospettive per la crescita delle imprese”
Articolo successivoLatina, denunciate due persone per compravendita illecita di armi
Studentessa di medicina di giorno, lettrice accanita di notte, vivo a Pisa e adoro scrivere, sin dall'infanzia mi diletto con racconti, poesie e vari concorsi letterari. Ho deciso di unire questa passione alla curiosità che da sempre mi accompagna e al vivo interesse per la mia città, per il mio territorio, nonché per l'attualità con tutte le sue contraddizioni, collaborando con News-24.it.