Da progetti e cifre investite e da investire, palese l’impegno che Amministrazione Comunale di Sabaudia e Polizia Locale stanno ponendo nella videosorveglianza, al fine di perseguire l’incremento del livello di sicurezza al centro cittadino e nei borghi.

“Ineccepibile l’elenco dei lavori e le implementazioni eseguite sul sistema urbano di telesorveglianza, anche se – obietta l’ex consigliere comunale Marcello Pastore assai sensibile al tema – ogni area aggiunta al controllo dovrebbe essere concordata e ratificata da una commissione. Di questo mi auguro ci sia traccia”.
“E – continua – non possono bastare le assicurazioni verbali in merito alle norme per l’utilizzazione del sistema, all’aspetto operativo, vale a dire quello più importante”.

Secondo Pastore a far testo è il “Regolamento per l’utilizzazione del sistema. quella serie di articoli che disciplinano il funzionamento e l’uso della videosorveglianza da parte degli operatori di controllo, un documento che, per la sua valenza, a norma di legge, deve essere necessariamente approvato dal Consiglio Comunale. Procedure che non mi risulta siano state seguite finora”.

A suo dire, sarebbe ancora in vigore un regolamento vecchio e sicuramente non adeguato alle modifiche hardware fatte e descritte dai nostri amministratori, con le conseguenze di depotenziare le capacità dissuasive del dispositivo.

“Il regolamento in vigore per intenderci -spiega – contempla norme che prevedono il presidio continuo da parte di un operatore della sala controllo che informi in tempo reale la polizia locale e le forze dell’ordine in caso di necessità. Pertanto il controllo quotidiano descritto appare non sufficiente e non adeguato alla normativa corrente”.

Finale a suon di metafora: “Insomma una Ferrari senza pilota né squadra corse”.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.