ROMA – Confermata in Corte d’ Appello la condanna a 30 anni per Emanuele Riggione per l’omicidio di Elena Panetta. L’uomo uccise la convivente con due colpi di piccozza alla testa, a Roma. L’autotrasportatore di Terracina era stato condannato alla stessa pena nel processo di primo grado. Gli avvocati Angelo Palmieri e Adriana Anzeloni avevano chiesto ed ottenuto per il suo assistito il rito abbreviato condizionato ad una perizia psichiatrica.

Con il rito abbreviato, che consente la riduzione di un terzo di una eventuale condanna, l’imputato aveva all’epoca evitato l’ergastolo, ma il perito aveva considerato Riggione capace di intendere e volere. Ieri la pena è stata confermata.

Il 42enne aveva confessato il delitto di Elena Panetta, la 57enne di Roma trovata morta nell’appartamento della donna, in via Corigliano Calabro. Da otto mesi viveva con lei e l’ha definita un’amica. In realtà, secondo gli inquirenti, condividevano anche la tossicodipendenza. Aveva raccontato in lacrime ai carabinieri che l’aveva uccisa, il 5 agosto 2018, proprio per avere i soldi per un’altra dose di cocaina.

La donna gli avrebbe detto di no e lui presa la piccozza l’avrebbe colpita prima in testa e poi sul corpo. Quindi aveva cercato di far perdere le sue tracce e aveva raggiunto Terracina, il 6 agosto scorso, pensando al suicidio. Infine si era costituito nella caserma di Latina.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.