Campagna : ” Il Teatro non è di proprietà dell’amministrazione serve precisione nella gestione dei fondi pubblici

14

CAMPAGNA (PD): “TEATRO NON È DI PROPRIETA’ DELL’AMMINISTRAZIONE, SERVE
PRECISIONE NELLA GESTIONE DEI FONDI PUBBLICI. PRONTO ESPOSTO ALLA CORTE
DEI CONTI”
“Troppe anomalie nel trattamento che il Comune di Latina ha riservato alle associazioni e alle realtà che hanno richiesto l’utilizzo del Teatro D’Annunzio”. Questo il commento di Valeria Campagna, capogruppo del PD Latina, dopo il question time tenutosi questa mattina, nell’ambito del quale sono state sollevate una serie di questioni riguardanti l’utilizzo del Teatro D’Annunzio. In particolare, relativamente alle iniziative, del 28 febbraio 2024 e del 29 febbraio 2024, “Ci vuole un fisico bestiale” del Prof. Vincenzo Schettini ed il concerto dell’associazione musicale Rossini di Latina dedicato all’omonimo compositore.
Campagna chiede: “Come mai nel primo caso, quello del prof. Schettini, sono state spese risorse comunali (9 mila euro) e nell’altro caso, il concerto in ricordo di Rossini, è stato richiesto il pagamento per l’affitto del teatro? In generale, emerge una gestione del tutto discrezionale ed arbitraria degli eventi, come se l’amministrazione decidesse di volta in volta in base a chissà quali criteri. Tra l’altro, da quanto risulta, pare che gli studenti presenti allo spettacolo del prof. Schettini siano stati ‘invitati’ ad acquistare il libro del docente per ottenere il ticket di ingresso al teatro”.
“Ecco perché – riprende – ho presentato istanza di accesso agli atti al fine di ottenere chiarezza riguardo alle modalità con cui è stato concesso l’uso del teatro per gli eventi in questione. Nonché, nel caso del primo evento, sull’acquisto delle copie del libro. Tuttavia, le risposte ottenute si sono rivelate insoddisfacenti e lacunose. Tra l’altro – aggiunge – la situazione risulta ancor più ambigua considerando che le risposte all’accesso agli atti sono controfirmate dall’assessora Tesone, fatto assai inconsueto e che solleva ulteriori interrogativi”.
E ancora: “Chiediamo chiarezza nelle risposte perché ci sono troppi punti che sollevano dubbi: le discrepanze tra le dichiarazioni dell’assessora e quanto riportato nel progetto inviato all’assessorato; la controfirma dell’assessora sull’accesso agli atti; le motivazioni generiche e confuse della stessa assessora Tesone. Vogliamo risposte e chiarezza. È fondamentale – dice Campagna – garantire trasparenza e equità nell’utilizzo delle risorse pubbliche. Le anomalie riscontrate sollevano serie preoccupazioni sulla gestione sulla gestione del teatro comunale. Che, è bene ricordarlo, non è di proprietà di questa amministrazione”.
In conclusione: “Vogliamo capire quali sono criteri utilizzati da questa amministrazione per determinare le modalità di utilizzo del Teatro D’Annunzio al fine di evitare discriminazioni e garantire una gestione equa delle risorse pubbliche. Il PD Latina seguirà da vicino lo sviluppo della vicenda e continuerà a vigilare affinché vengano tutelati gli interessi della comunità sul corretto utilizzo delle strutture comunali. In questo senso, presenteremo un esposto alla Corte dei conti per accertare tutte le responsabilità”.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.



Articolo precedenteIl bambino al centro del mondo: per un futuro consapevole sulle neurodiversità
Articolo successivoFermato dai Carabinieri tenta di fuggire, arrestato dopo un inseguimento spacciatore tunisino di 22 anni in piazza Matteotti
Paolo Iannuccelli è nato a Correggio, provincia di Reggio Emilia, il 2 ottobre 1953, risiede a Nettuno, dopo aver vissuto per oltre cinquant'anni a Latina. Attualmente si occupa di editoria, comunicazione e sport. Una parte fondamentale e importante della sua vita è dedicata allo sport, nelle vesti di atleta, allenatore, dirigente, giornalista, organizzatore, promoter, consulente, nella pallacanestro. In carriera ha vinto sette campionati da coach, sette da presidente. Ha svolto attività di volontariato in strutture ospitanti persone in difficoltà, cercando di aiutare sempre deboli e oppressi. É membro del Panathlon Club International, del Lions Club Terre Pontine e della Unione Nazionale Veterani dello Sport. Nel basket è stato allievo di Asa Nikolic, il più grande allenatore europeo di tutti i tempi. Nel giornalismo sportivo è stato seguito da Aldo Giordani, storico telecronista Rai, fondatore e direttore della rivista Superbasket. Attualmente è presidente della Associazione Basket Latina 1968. Ha collaborato con testate giornalistiche locali e nazionali, pubblicato libri tecnici di basket e di storia, costumi e tradizioni locali Ama profondamente Latina e Ponza, la patria del cuore.