Basket amarcord, l’americano John Fultz coach della Sicma Sud Latina in serie B

0

Un personaggio incredibile, un po’ hippy, un po’ fiabesco. Impossibile non pensare a John Fultz – detto Kociss – il grande giocatore americano che ha incantato il pubblico di Varese e Bologna grazie ai suoi tiri da fuori con mano vellutata. E’ arrivato a Latina durante la stagione sportiva 1979-80 per allenare la Sicma Sud – in serie B – presieduta dal vulcanico Renato Mocellin, mecenate in tante discipline. Fu il direttore tecnico Luciano Marinelli a leggere sulla rivista Superbasket che John era intenzionato a intraprendere la carriera di coach. Si recò immediatamente a Bologna e lo convinse a trasferirsi con la moglie in Agro Pontino. Una regola assurda gli impediva di sedere in panca, il ruolo di head coach ufficiale era assegnato al buon Renato Sabatino. A Latina Fultz si trovò a meraviglia, la mattina andava puntualmente in palestra per fare pesi, conobbe tante persone che lo stimavano. Il richiamo del parquet, nel ruolo di giocatore, era però troppo forte per Fultz che l’anno dopo firmò un contratto con lo Sporting Lisbona nel massimo campionato portoghese, fece faville con punti e rimbalzi a non finire. Si fa crescere i capelli lunghi e li tiene insieme con una fascia che assieme ai tratti somatici della faccia gli valgono il soprannome Kociss. John attualmente insegna inglese, ha allenato tante formazioni, specialmente in Campania. Ha un rimpianto: “Forse non tutti sono a conoscenza del fatto che ho anche allenato per parecchi anni, arrivando fino a dirigere il Latina sicma sud in serie B. Sono stato sottovalutato come giocatore, ma come coach ancora di più. Sicuramente è anche colpa mia: per fare l’allenatore in Italia bisogna essere dei politici e io non lo sono mai stato. Forse questo dipende dal fatto che in Italia in basket è nato nelle parrocchie e il coach è spesso, alla fin dei conti, quasi come un prete. Io invece mi ispiro al modo di allenare che ho visto nella mia gioventù, dove l’allenatore, una volta finita la partita, andava a fare bisboccia assieme ai tifosi.”


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.





Articolo precedenteBenacquista Latina, continua il tabù trasferta, ancora una sconfitta.
Paolo Iannuccelli
Paolo Iannuccelli è nato a Correggio, provincia di Reggio Emilia, il 2 ottobre 1953, risiede a Nettuno, dopo aver vissuto per oltre cinquant'anni a Latina. Attualmente si occupa di editoria, comunicazione e sport. Una parte fondamentale e importante della sua vita è dedicata allo sport, nelle vesti di atleta, allenatore, dirigente, giornalista, organizzatore, promoter, consulente, nella pallacanestro. In carriera ha vinto sette campionati da coach, sette da presidente. Ha svolto attività di volontariato in strutture ospitanti persone in difficoltà, cercando di aiutare sempre deboli e oppressi. É membro del Panathlon Club International, del Lions Club Terre Pontine e della Unione Nazionale Veterani dello Sport. Nel basket è stato allievo di Asa Nikolic, il più grande allenatore europeo di tutti i tempi. Nel giornalismo sportivo è stato seguito da Aldo Giordani, storico telecronista Rai, fondatore e direttore della rivista Superbasket. Attualmente è presidente della Associazione Basket Latina 1968. Ha collaborato con testate giornalistiche locali e nazionali, pubblicato libri tecnici di basket e di storia, costumi e tradizioni locali Ama profondamente Latina e Ponza, la patria del cuore.