Il presidente della vittoria, il manager capace di riempire sino al tutto esaurito il palazzetto.Tra i grandi del basket pontino va sicuramente annoverato Rodolfo Salomone, dimenticato troppo in fretta dagli appassionati del canestro. Rodolfo Salomone è stato un presidente vincente, fece la storia in modo pacato e discreto. Nato a Pieve di Soligo, l’imprenditore consolidò la sua attività nel sud del Lazio con la Rip Inox e Umat a Pomezia, Latina e Frosinone. Fu nel capoluogo pontino che Salomone lasciò la sua impronta nella pallacanestro, prima come sponsor della Virtus Latina e dal 1991 in poi come proprietario e presidente.

Un decennio d’oro con la Rip Inox che passò in pochi anni dalla serie D regionale alla vetrina della B1. I suoi roster fecero sempre leva su giocatori e allenatori della provincia di Latina, con poche eccezioni. Fu Rodolfo insieme a collaboratori competenti a organizzare tornei di grande spessore riservati alla categoria juniores. Hugo Sconochini – appena arrivato in volo dalla lontana Argentina – giocò la sua prima partita in Italia nel 1993 al palazzetto dello sport di Latina indossando la casacca del Viola Reggio Calabria, mostrando numeri di gran classe che mandarono il pubblico in visibilio.

Quasi tutti i migliori cestisti di casa nostra vestirono la prestigiosa e amata casacca Rip Inox: Bruno Berton, Luca Tommasini, Paolo Anesa, Sandro Gatto, Carlo Ceretta, Marco Zaccheo, Giovanni Sparagna, Pierluigi Ensoli, Ruben Polselli, Franco Picozzi, Alessandro Zanier i nomi più noti. Nel 1999 Rodolfo Salomone fu insignito del premio Umanità e Cordialità nella Pallacanestro dall’organizzazione del Torneo Peppino Tosarello, un premio disegnato apposta per lui, il dirigente che fece sue queste due rare doti più di tutti. Il suo club era una vera e organizzata famiglia dove tutti, dal più giovane cestista del prolifico vivaio al migliore della prima squadra, erano trattati come figli da Rodolfo Salomone, il presidentissimo dal volto umano.

 


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.





Articolo precedenteDal Messico al Circeo, una ragazza positiva mette in allarme i vacanzieri. Schiboni “Ora Basta”
Articolo successivoAssessore Leggio : consiglio comunale dei bambini, cambio di location necessario e responsabile
Paolo Iannuccelli
Paolo Iannuccelli è nato a Correggio, provincia di Reggio Emilia, il 2 ottobre 1953, risiede a Nettuno, dopo aver vissuto per oltre cinquant'anni a Latina. Attualmente si occupa di editoria, comunicazione e sport. Una parte fondamentale e importante della sua vita è dedicata allo sport, nelle vesti di atleta, allenatore, dirigente, giornalista, organizzatore, promoter, consulente, nella pallacanestro. In carriera ha vinto sette campionati da coach, sette da presidente. Ha svolto attività di volontariato in strutture ospitanti persone in difficoltà, cercando di aiutare sempre deboli e oppressi. É membro del Panathlon Club International, del Lions Club Terre Pontine e della Unione Nazionale Veterani dello Sport. Nel basket è stato allievo di Asa Nikolic, il più grande allenatore europeo di tutti i tempi. Nel giornalismo sportivo è stato seguito da Aldo Giordani, storico telecronista Rai, fondatore e direttore della rivista Superbasket. Attualmente è presidente della Associazione Basket Latina 1968. Ha collaborato con testate giornalistiche locali e nazionali, pubblicato libri tecnici di basket e di storia, costumi e tradizioni locali Ama profondamente Latina e Ponza, la patria del cuore.