Decimo anno di avventura per la Latina Basket guidata dal patron Lucio Benacquista.

41

Sabato 21 novembre comincia il campionato di serie A2 di basket con il Latina impegnato sul campo amico con San Severo, si giocherà a porte chiuse, con inizio alle 20.30. Per il decimo anno consecutivo il club nerazzurro partecipa a campionati di A2 e B, è doveroso conoscere più a fondo chi ha permesso agli sportivi del capoluogo pontino di assistere a incontri ad alto livello. Lucio Benacquista — broker assicurativo — è estremamente laborioso in ambito sportivo, ne è prova il fatto che nel 2010 il suo intervento è stato fondamentale per mantenere il titolo sportivo ed evitare la scomparsa di Latina dal mondo della pallacanestro.
La Latina Basket è una società nata dalla passione della famiglia Benacquista. La partecipazione del presidente in prima persona alle attività gestionali la rendono una società solida, con la prima squadra militante in Serie A2 e numerose squadre del settore giovanile, oltre ai gruppi minibasket. Lucio Benacquista ha voluto creare una foresteria di proprietà della società per far sì che i giocatori nerazzurri che non sono di Latina possano alloggiare in modo confortevole e non essere sottoposti a faticosi spostamenti.
Grazie al presidente Benacquista il club nerazzurro organizza eventi legati anche al sociale, lo dimostra l’aver ospitato due partite del Campionato nazionale di basket in carrozzina, l’aver organizzato un Trofeo Interscolastico con gli Istituti di Scuola Superiore della città di Latina, un Camp Estivo per i bambini del minibasket, i tornei di basket per le categorie Under 13 e Under 15. Senza dimenticare le attività svolte settimanalmente con il Progetto Scuola, volto ad avvicinare i bimbi più piccoli alle attività di minibasket, coinvolgendoli anche nella partecipazione alle partite dei «grandi», e l’innovativo progetto Jump In English, rivolto agli studenti delle scuole medie, al quale hanno preso parte gli atleti americani, trascorrendo intere mattinate negli istituti. Non ultimo il progetto Alternanza Scuola/Lavoro organizzato con gli studenti dell’Istituto Steve Jobs di Latina.
Le attività della società partono dai gruppi minibasket, seguiti da istruttori qualificati, passando per le categorie Under 13, Under 15, Under 16, due squadre Under 18, di cui una ha disputato la categoria Eccellenza e ha sfiorato di un soffio l’accesso alla finale nazionale, fino ad arrivare alla squadra Under 20, che ha vinto il Campionato di categoria e conquistato il titolo di Campione Regionale.
Il commendatore ha ristrutturato a proprie spese la vecchia palestra dell’Istituto Tecnico Vittorio Veneto, creando un Palazzetto con seicento posti per il pubblico e servizi ottimali, in una zona centrale della città. Nella bella struttura si gioca a basket dal primo pomeriggio a tarda sera, le squadre giovanili nerazzurre vi disputano le partite interne.
Benacquista ha cominciato la sua avventura nel lontano 1973 nel mondo della pallavolo femminile, sponsorizzando una formazione di Latina, poi nel volley è stato main sponsor del Top Volley Latina nella stagione 2005/2006 in Serie A1. Nel 2008 la sua azienda ha legato il marchio al Basket Fondi, promosso in Serie C1, oltre a seguire il club di tennistavolo di Pontinia guidato da Pietro Nuvola.
Lucio Benacquista è nato nel 1936 a Fontechiari, in Ciociaria, si è trasferito ad appena due mesi a Littoria, dove viveva il papà Angelo con la famiglia sin dal 1932 alle case popolari, ora quartiere Nicolosi. Lucio è tornato a Fontechiari nel pieno della seconda guerra mondiale, alla ricerca di un posto sicuro per proteggersi dai bombardamenti. Con mezzi di fortuna i Benacquista raggiunsero il paese di origine, ritrovarono la loro casa occupata da soldati austriaci, furono costretti a vivere in una stalla. Il mezzo più usato era la bicicletta, con copertoni ripieni per evitare forature.
Dopo la seconda guerra mondiale molti abitanti di Fontechiari emigrarono in Francia, anche alcuni parenti stretti di Lucio. Angelo continuò il suo lavoro di muratore specializzato assunto dall’imprenditore Giovanni Giacomini, che creò l’omonimo cinema e l’hotel Fogliano a Capo Portiere.
Uno dei personaggi della famiglia Benacquista più conosciuti a Latina è sicuramente Santino — fratello di Lucio — per anni ha ricoperto il ruolo di responsabile della illuminazione pubblica in Comune. Lucio si reca a Fontechiari in estate, la sua azienda ha legato il nome alla squadra di calcio locale.
Fontechiari confina con Arpino — la Civitas Ciceroniana — paese di origine della mia famiglia, una delle più antiche. Il cognome Iannuccelli deriva da Ianua Coeli, la porta del cielo.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.




Articolo precedenteFormia. Paola Villa sul tema dei pazienti provenienti dalla Campania: “Non esistono confini locali o regionali rispetto alla salute”.
Articolo successivoLa pandemia ci ha portato a riscoprire questo modo di allenarsi
Paolo Iannuccelli
Paolo Iannuccelli è nato a Correggio, provincia di Reggio Emilia, il 2 ottobre 1953, risiede a Nettuno, dopo aver vissuto per oltre cinquant'anni a Latina. Attualmente si occupa di editoria, comunicazione e sport. Una parte fondamentale e importante della sua vita è dedicata allo sport, nelle vesti di atleta, allenatore, dirigente, giornalista, organizzatore, promoter, consulente, nella pallacanestro. In carriera ha vinto sette campionati da coach, sette da presidente. Ha svolto attività di volontariato in strutture ospitanti persone in difficoltà, cercando di aiutare sempre deboli e oppressi. É membro del Panathlon Club International, del Lions Club Terre Pontine e della Unione Nazionale Veterani dello Sport. Nel basket è stato allievo di Asa Nikolic, il più grande allenatore europeo di tutti i tempi. Nel giornalismo sportivo è stato seguito da Aldo Giordani, storico telecronista Rai, fondatore e direttore della rivista Superbasket. Attualmente è presidente della Associazione Basket Latina 1968. Ha collaborato con testate giornalistiche locali e nazionali, pubblicato libri tecnici di basket e di storia, costumi e tradizioni locali Ama profondamente Latina e Ponza, la patria del cuore.