Fondi celebra la Giornata Nazionale della Legalità. Un lenzuolo bianco sarà esposto sulla Casa Comunale

44

Alle 17,57 del 23 maggio 1992, un attentato mafioso costò la vita al giudice Giovanni Falcone, alla moglie Francesca Morvillo e agli uomini della sua scorta, Antonio Montinaro, Rocco Dicillo e Vito Schifani. A 28 anni di distanza, oggi, nella Giornata Nazionale della Legalità, alle 17,57 in punto, la Città di Fondi commemorerà la strage con un minuto di raccoglimento sulle note del “Silenzio”, mentre un lenzuolo bianco sarà spiegato sulla facciata del Palazzo Comunale. In piazza del Municipio ci sarà il vice sindaco Beniamino Maschietto che indosserà la fascia tricolore, simbolo dell’unità nazionale e degli alti valori della Costituzione.
La cerimonia sarà trasmessa in diretta Facebook da Radio Antenna Musica. In serata poi il Castello Caetani sarà illuminato con i colori della bandiera italiana.
«Da anni – ricorda Maschietto – l’Amministrazione comunale, in collaborazione con le Forze dell’Ordine, ha intrapreso nelle scuole un cammino della legalità con l’organizzazione di iniziative per sensibilizzare gli studenti ai valori del rispetto delle regole, di se stessi e degli altri. Quest’anno abbiamo aderito convintamente alla proposta della Fondazione Giovanni Falcone e rilanciata dall’ANCI di dedicare la “Giornata nazionale della Legalità” non solo a tutti coloro che hanno lottato e lottano per l’affermazione dei principi della legalità ma anche alle donne e agli uomini che da mesi si stanno prodigando, con abnegazione e grande senso del dovere, nella difficile gestione dell’emergenza sanitaria».


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.