Il Papa incontra i bambini : ” Costruiamo Insieme la Pace. Non Siate Mai Nemici “

15

«Care bambine, cari bambini, ragazzi e ragazze! Ci siamo! È iniziata l’avventura della Gmb, la Giornata Mondiale dei Bambini. Ci siamo radunati qui allo Stadio Olimpico, per dare il “calcio d’inizio” a un movimento di bambini e bambine che vogliono costruire un mondo di pace, dove siamo tutti fratelli, un mondo che ha un futuro, perché vogliamo prenderci cura dell’ambiente che ci circonda». Papa Francesco inizia così il suo discorso davanti ai 50mila radunati allo Stadio Olimpico di Roma, tra cui migliaia di bambini da oltre cento Paesi del mondo.

Francesco nella sua papamobile bianca fa il giro dello stadio per salutare i piccoli e i grandi venuti ad ascoltare le sue parole, mentre viene cantato l’inno “Bello mondo”. Ad accoglierlo ci sono i coordinatori dell’evento: Padre Enzo Fortunato, direttore della comunicazione della Basilica di San Pietro, e Aldo Cagnoli. Con loro cinque bimbi in rappresentanza dei 5 Continenti. Dall’Italia, dal Burundi, dalla Cina, dall’Australia e dal Brasile. C’è anche il saluto da un “nuovo continente”, quello dei bambini che non sono potuti venire. Quindi il Papa inizia a parlare. «In voi, bambini – dice – tutto parla di vita e di futuro. E la Chiesa, che è madre, vi accoglie e vi accompagna con tenerezza e con speranza. Il 7 novembre scorso ho avuto la gioia di accogliere in Vaticano alcune migliaia di bambini di tante parti del mondo. Quel giorno avete portato un’ondata di gioia; e mi avete manifestato le vostre domande sul futuro. Quell’incontro ha lasciato un’impronta nel mio cuore e ho capito che quella conversazione con voi doveva continuare, doveva allargarsi a tanti altri bambini e ragazzi. Ed è per questo che oggi siamo qui: per continuare a dialogare, a porci domande e cercare insieme le risposte».


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.