Home Italia Il Regista-Maestro, Enzo De Pasquale, nel ricordo del nostro Paolo Iannuccelli

Il Regista-Maestro, Enzo De Pasquale, nel ricordo del nostro Paolo Iannuccelli


Al  regista Enzo De Pasquale è intitolata la sala conferenze del Comune di Latina. Un amarcord non guasta, fa immensamente piacere ricordare un amico sincero e, per certi versi, anche maestro. Leggendo il suo libro autobiografico “Io c’ero” – pubblicato poco prima della morte – si scoprono tanti risvolti positivi di un personaggio dotato di grande umanità, humor sopraffino, intelligenza rara, pronto a dispensare consigli ai più giovani.

Enzo amava il suo lavoro, era un professionista meticoloso che non lasciava nulla al caso e all’improvvisazione, cercava di essere vicino alla perfezione. Ricordo un sopralluogo al Mugello in vista del gran premio di motociclismo. Il regista salì, sfidando il pericolo, su un palo – come si faceva con la pertica nelle ore di educazione fisica a scuola – per rendersi conto del paesaggio e di certe misure.

Vidi insieme a lui la finale tra Italia e Brasile dei campionati del mondo di calcio 1982. Stavamo tornando da Milano Marittima dove la formazione azzurra del tennis aveva giocato in Coppa Davis con la Nuova Zelanda. Eravamo solitari in un albergo di Terni che ci ospitò, Enzo esultò per il successo ma senza sbornia. Lui era certo del trionfo della squadra di Bearzot, un tecnico che conosceva bene e apprezzava. Di episodi curiosi e simpatici ne vengono alle mente, Enzo sembrava burbero ma era davvero un bonaccione, pronto ad aiutare gli altri in tutte le occasioni.

Conosceva Latina alla perfezione tanto che sul giornale Blu ha scritto pagine meravigliose, con corredo fotografico, sugli anni della rinascita dopo la guerra.  Nato a Praia a Mare, in Calabria, nel 1930 e scomparso il 7 novembre del 2001, De Pasquale era diplomato al Centro Sperimentale di Cinematografia, sezione regia. Iscritto all’Ordine dei giornalisti per oltre 30 anni. Consigliere al Comune di Latina nelle fila della Dc dal 1965 al 1985, è stato assessore ai lavori Pubblici ed Urbanistica, sport, turismo e spettacolo, pubblica istruzione, servizi sociali e personale.

 

Nell’ambito della sua professione è stato assistente alla regia di Gallone, Blasetti, Bolognini, Rossi, Monicelli. Ha girato 21 cortometraggi per l’Istituto Luce, Documento Film e Vides. Ha iniziato la collaborazione con la Rai nel 1957 realizzando 3.642 trasmissioni, inizialmente nel settore dello spettacolo, successivamente in quello del giornalismo e dello sport. Ha curato le riprese per le elezioni di 4 Papi. La sua regia della trasmissione per i funerali di Paolo VI valse alla Rai il premio “Flamming”, l’Oscar per la TV ed il premio Stampa cattolica. Ha diretto riprese dalla zone terremotate in Friuli, Sicilia ed Irpinia ed i meeting Reagan-Gorbaciov e Bush-Gorbaciov. Sue anche le regie di elezioni politiche e visite di Capi di Stato (Kennedy, Nixon, Johnson, Gorbaciov) e gli speciali dal Golfo Persico per la guerra del Golfo nonché le dirette da Berlino per l’unificazione delle due Germanie.

Per il ciclismo ha curato la regia di 18 Giri d’Italia, 21 Milano-Sanremo, 24 Tirreno-Adriatico. Ha seguito il suo primo Giro d’Italia nel 1975 e nel 1978 ha mandato in onda le prime riprese dall’elicottero (cronotappa conclusasi a Venezia, in Piazza San Marco). Ha ripreso e diretto due Olimpiadi Invernali e 5 Mondiali di sci e per la boxe oltre 300 trasmissioni (fiore all’occhiello “La notte delle stelle” con cinque pugili mondiali da Las Vegas). Ha partecipato anche alle riprese delle Olimpiadi di Monaco 1972 dove ha curato le fasi del torneo di scherma. Ha diretto la “Domenica Sportiva” negli anni 80 con Adriano De Zan, Alfredo Pigna, Tito Stagno. Ha diretto inoltre le riprese dei più importanti avvenimenti del calcio italiano, curato la regia da tre stadi durante i mondiali del 1990 in Italia. Di questa manifestazione ha firmato la regia della semifinale Italia-Argentina (oltre 24 milioni di ascolto) e la finale Germania-Argentina dall’Olimpico di Roma.

 


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.