Il sindaco di Ponza Franco Ferraiuolo chiede alle istituzioni l’immediata vaccinazione di tutti gli abitanti del’isola

54

Il sindaco di Ponza Franco Ferraiuolo ha scritto al ministro della salute Roberto Speranza per ottenere la vaccinazioni di tutti gli abitanti dell’isola. Scrive il primo cittadino sulla sua pagina Facebook: “In questi ultimi giorni, assistiamo ad interventi da parte di importanti esponenti politici i quali si dicono contrari a far esercitare la vaccinazione di massa sulle piccole isole perché così facendo verrebbe violato un principio di equità tra i cittadini.A sentire le loro argomentazioni, io, Sindaco di una piccola isola, che sono tra quelli che hanno richiesto la tempestiva vaccinazione di massa della propria popolazione per addivenire ad una situazione di totale immunizzazione dal contagio da covid 19 e, quindi, di sicurezza prima dell’invasione turistica, ho la percezione di essere considerato una specie di furbetto che vuole prendere la scorciatoia.
Convengo che sotto il profilo generale il principio di equità ha certamente la sua validità qualora sia applicato sempre e comunque.Ma a quanto pare, esso non sembra sia stato applicato nel più ampio contesto europeo dove una nazione, la Grecia, si accinge ad immunizzare o ha immunizzato tutte le sue isole affinché le stesse siano covid free prima dell’avvento della stagione turistica.
Mi pare che nessuno abbia avuto nulla da ridire su questo fatto, compresi coloro che oggi discettano di equità, tant’è che non mi risulta sia stata avanzata al livello delle istituzioni europee un intervento nei confronti della Grecia teso a garantire a tutte le isole appartenenti alla comunità europea pari ed eque condizioni. Cosicché, tacitamente condivisa la cosa, ci troveremo anche a subire la concorrenza delle isole greche, rafforzata dall’appeal di isole sicure. Comprendo che il dibattito politico sottende i diversi punti di vista…ma mentre discettiamo, in una visione limitata al nostro orticello, sull’applicazione di un riscoperto principio di equità mandiamo, non so quanto inconsapevolmente, un siluro al turismo delle nostre piccole isole. E poi, diciamolo pure, nel caso di specie, se viene pacificamente esercitata l’azione di vaccinare con precedenza anche quelle particolari categorie come il personale sanitario, scolastico, delle forze dell’ordine, della protezione civile, della magistratura, dell’avvocatura, ecc, in quanto ritenute ricomprese in un quadro di interesse sanitario ai fini della lotta contro la diffusione del contagio, si stenta a comprendere perché la stessa priorità non possa essere estesa anche alla categoria delle popolazioni delle piccole isole, peraltro di numero esiguo, che vivono una situazione di svantaggio all’interno di un ecosistema fortemente vulnerabile e fragile, chiuso in se stesso in quanto isolato dal mare”.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.




Articolo precedenteFondi. Tavolo tecnico sull’incidenza della variante brasiliana. Il sindaco Maschietto: “La situazione è sotto controllo”
Articolo successivoSabaudia. I miei primi 87 anni
Paolo Iannuccelli
Paolo Iannuccelli è nato a Correggio, provincia di Reggio Emilia, il 2 ottobre 1953, risiede a Nettuno, dopo aver vissuto per oltre cinquant'anni a Latina. Attualmente si occupa di editoria, comunicazione e sport. Una parte fondamentale e importante della sua vita è dedicata allo sport, nelle vesti di atleta, allenatore, dirigente, giornalista, organizzatore, promoter, consulente, nella pallacanestro. In carriera ha vinto sette campionati da coach, sette da presidente. Ha svolto attività di volontariato in strutture ospitanti persone in difficoltà, cercando di aiutare sempre deboli e oppressi. É membro del Panathlon Club International, del Lions Club Terre Pontine e della Unione Nazionale Veterani dello Sport. Nel basket è stato allievo di Asa Nikolic, il più grande allenatore europeo di tutti i tempi. Nel giornalismo sportivo è stato seguito da Aldo Giordani, storico telecronista Rai, fondatore e direttore della rivista Superbasket. Attualmente è presidente della Associazione Basket Latina 1968. Ha collaborato con testate giornalistiche locali e nazionali, pubblicato libri tecnici di basket e di storia, costumi e tradizioni locali Ama profondamente Latina e Ponza, la patria del cuore.