LATINA- Il 24 novembre mi arriva un messaggio, su WhatsApp: “Matteo, dobbiamo annullare l’appuntamento, poi ti spiego”.
In effetti con Damiano Coletta ci saremmo dovuti incontrare in Comune. Quel poi ti spiego significava la prima positività registrata dal tampone breve, confermata poi dal molecolare. In questi giorni ci siamo sentiti più volte con il Sindaco, anche quando si è reso necessario il ricovero presso il reparto di Malattie Infettive diretto dalla Prof.ssa Miriam Lichtner per un principio di polmonite.
La voce di Damiano s’era fatta più flebile, la respirazione un poco affaticata. Questa mattina l’ho chiamato e al “Pronto!”, ho capito che stava molto meglio.

Sindaco, come sta?
Sto decisamente meglio. Ho risposto bene alla terapia antivirale che sto facendo in ospedale, perché solo in ambiente ospedaliero l’avrei potuta fare. Siamo stati tempestivi con i sanitari nel non aspettare qualche ora in più che avrebbe peggiorato il quadro clinico.
Quale è la differenza nell’affrontare il Covid-19 da paziente, oltre che da amministratore?
Da amministratore e da medico, sono stato sempre consapevole della pericolosità di questo virus. Questa è una malattia che pretende rispetto. Bisogna avere rispetto per se stessi e per gli altri. Chi ancora oggi mantiene un atteggiamento superficiale dovrebbe assistere al sacrificio dei sanitari che assistono i pazienti più sfortunati, quelli che hanno fame d’aria. In questo momento il Covid lo sto affrontando da paziente con fiducia e spirito sportivo e questo non può che giovare al mio sistema immunitario.
Qualche sciocco (uso un eufemismo) s’è abbandonato a qualche polemica social. Si è ipotizzato un trattamento di favore per il suo ricovero. Lei, intelligentemente, non ha raccolto…
Guardi, io ho una storia personale che parla per me. Non ho mai abusato della mia funzione, né da medico né da primo cittadino. E’ stata seguita una procedura che è quella standard per tutti i pazienti. Dopo un secondo accesso al Pronto Soccorso, con un quadro in peggioramento, i sanitari hanno disposto il ricovero. Mi dispiace che si sia cercato di strumentalizzare anche questa situazione. Certe affermazioni mancano di rispetto proprio alle professionalità del “Goretti”. Magari chi fa questo genere di pensieri è abituato a comportarsi così e pensa che tutti facciano allo stesso modo. Per fortuna, esiste un mondo diverso.
Cominciano a circolare, sui social e sugli organi di stampa, alcune indiscrezioni sul Dpcm natalizio: coprifuoco alle 22, divieto di spostamento fra Regioni, ristoranti aperti soltanto a pranzo anche nei giorni festivi. Come dobbiamo comportarci durante le festività natalizie?
Io penso che, vista la situazione, i festeggiamenti vadano un poco ridimensionati. Fatta salva la necessità di salvaguardare l’economia e quei settori che saranno più o meno penalizzati. Il Natale dovrà essere vissuto limitando i contatti. E’ giusto che sia così, altrimenti pagheremo un prezzo troppo alto qualche settimana dopo. Se vogliamo bene ai nostri cari, specialmente agli anziani, dobbiamo rispettarli evitando contatti prolungati.
In questi giorni lei ha ricevuto tantissime attestazioni di affetto e vicinanza, dai cittadini ed anche dalla forze politiche. Leggevo oggi una nota ufficiale del PD in questo senso. Quando si affronta una malattia che, per sua natura, comporta anche una certa solitudine, immagino faccia piacere…
Ringrazio davvero tutta la città di Latina per i messaggi che mi sono arrivati in queste ore. In un momento così complesso mi hanno dato tantissima forza! Poi, certo, ho molto apprezzato il comunicato del Partito Democratico a cui lei fa riferimento.
Mi pare che le distanze fra il suo movimento ed i dem si stiano assottigliando sempre di più. Sbaglio?
Pezzo dopo pezzo stiamo arando quel “campo largo” di cui spesso abbiamo parlato. C’è una comune visione sulla strada da percorrere nei prossimi anni. C’è voluto un po’ di tempo, perché ognuno di noi ha dovuto smussare qualche angolo. Noi abbiamo il dovere di offrire alla città di Latina solidità. Arriveranno risorse importanti, dobbiamo farci trovare pronti. Stiamo attraversando un momento di epocale mutamento che segnerà lo sviluppo di questa città. Abbiamo il dovere di programmarlo insieme.

 

 


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.