LATINA – La senatrice Pacifico, M5S: «Il fallimento del Movimento è sotto gli occhi di tutti, nel paese questa classe dirigente ha creato sfaceli». Arriva una dura presa di posizione in merito ai risultati elettorali del M5S da parte della Senatrice pontina Marinella Pacifico.

«Mai nella storia della Repubblica Italiana – scrive la Pacifico – un partito politico ha disatteso le istanze degli elettori come il M5s. Prontamente ed in modo esemplare punito dalla gente. Mai, l’arroganza, l’incompetenza ed il pressappochismo di una parte dirigente ha prodotto sfaceli nel Paese, come assistiamo in questi giorni. Le analisi dei voti appaiono impietose. E mentre milioni di elettori ci mandano al diavolo, i nostri Winston Churchill si fanno i selfie, ballano, fanno il segno della vittoria con le dita dai finestrini delle loro auto blindate. Ed ora chi ha desertificato, si prodiga di consigli su come recuperare. La realtà è che due anni di ovattate stanze di potere ci hanno narcotizzati. Se i dati globali appaiono sconfortanti, quelli della provincia di Latina, oramai sembrano simili a prefissi telefonici internazionali. Nonostante, in questa provincia, i miei appelli a chi annovera incarichi di governo siano stati continui, i miei interlocutori governativi hanno ritenuto secondario fornire risposte convincenti. Quasi sempre ignorando la richiesta di aiuto di questo territorio. Infinite volte ho segnalato il necessario intervento sulle infrastrutture giudiziarie e carcerarie, così come innumerevoli volte ho richiesto l’intervento della Commissione parlamentare Antimafia. Mi sono spesa per la rete viaria, per il sistema delle imprese e per altre decine di esigenze del territorio. Risultato, i vertici del MoVimento inviano i “facilitatori”. Figura mitica, apparentemente angeli inviati dal Signore, al fine di facilitare, non si è mai ben capito cosa. Di certo sono apparsi, agli occhi del territorio della periferia dell’impero, come proconsoli inviati dalla gens romana,  perfetti esecutori delle necessità elettorali di qualche novello imperatore e imperatrice di Roma. La risposta è stata tra il 2% e il 4% di consenso elettorale, praticamente come la lista dei cacciatori di Bassiano o di Terracina. Forse la presenza della Vice Presidente del Senato (M5S) e del Vice Presidente del Parlamento Europeo, ha sortito effetti opposti alla crescita del MoVimento stesso. Sono sembrati Re Mida al contrario. Dove arrivavano loro, il MoVimento  perdeva fino a 30 punti percentuali. Come dire, amati dal popolo. In questo dramma, nessuno sembra voglia assumersi la responsabilità del fallimento. Si continua con i balli e con i selfie, addossando le colpe ad un destino cinico e baro. La strada è segnata, se nella nuova legge elettorale si metterà la soglia di sbarramento al 5%, il movimento non avrà rappresentanza parlamentare. Ma alcuni deputati e senatori continueranno a sedere sui banchi, magari proprio del PD.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.