La storia di Luigi Feola. Il mistero di Ponza

124

Un mistero sempre più fitto appare dopo avere esaminato i documenti dagli Stati Uniti per chiarire la vicenda dello sfortunato minatore ponzese Luigi Feola deceduto nel 1907 nella tragedia mineraria di Monongah, in West Virginia.
I 1130 dollari arrivati a Ponza, non sono stati mai riscossi dalla vedova Maria Di Meglio.
Tante firme sono state sicuramente falsificate dai lestofanti che hanno intascato illecitamente il denaro, una grande truffa.
Basta esaminare le pratiche per rendersi conto del malaffare esistente. Una beffa colossale ai danni di gente povera e semianalfabeta.
Una cifra che avrebbe permesso, secondo esperti immobiliaristi, l’acquisto – nel Sud dell’Italia – di almeno venti appartamenti di medie dimensioni per quell’epoca, il 1908.
L’indirizzo sulla lettera inviata dagli States alla signora Maria Di Meglio in Feola risulta: Ponzo Isola, (Caserta), Italy. Ponzo con la o finale. Allora l’isola apparteneva alla provincia di Terra di Lavoro. Non risulta alcun indirizzo specifico.
Il pretore Augusto Ferraro e il papà del minatore deceduto, Francesco Feola, sono i testimoni della riscossione dell’assegno; loro sapevano tante cose ma non le hanno mai raccontate.
In quegli anni a Ponza, come si evince dal registro parrocchiale dei battezzati al Porto – nella Chiesa della Santissima Trinità – abitavano numerose famiglie dal cognome Ferraro, di chiara origine campana. Ora nemmeno una risulta all’anagrafe.
Dove sono finiti i Ferraro? Forse in Argentina..
La signora Feola – secondo la ricostruzione puntuale del noto professore italo-americano Joseph Tropea – cambiò abitazione, insieme ai sei figli. Francesco – il suocero – li costrinse a vivere per anni in una grotta piccola e malsana in condizioni disperate. Furono, insomma, cacciati di casa.
Un mistero nel mistero più fitto che alimenta dei sospetti. Chi è diventato ricco? Joseph Tropea ha sempre detto con convinzione: “Ho scoperto che una buona parte dei parenti dei minatori italiani morti a Monongah non ha mai ricevuto alcun indennizzo. Ho speso anni a cercare i figli e i nipoti delle vittime di Monongah. Volevo scoprire come avevano vissuto dopo la morte dei propri cari, ma soprattutto appurare se avevano ricevuto la somma loro destinata dalla Compagnia proprietaria della miniera”.
La Faimont Coal Company istituì un fondo a favore delle vedove e degli orfani dei minatori morti nell’esplosione. “Io volevo scoprire se i soldi erano veramente arrivati. Grave è che molti, anzi quasi tutti i figli dei minatori morti non hanno ricevuto nulla dei soldi loro destinati dal fondo. Eppure, la compagnia nel documento riassuntivo cita i nomi degli orfani e delle vedove e la corrispettiva somma di denaro loro


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.




Articolo precedenteLa pandemia ci ha portato a riscoprire questo modo di allenarsi
Articolo successivoI panteschi nell’agro romano e pontino.
Paolo Iannuccelli
Paolo Iannuccelli è nato a Correggio, provincia di Reggio Emilia, il 2 ottobre 1953, risiede a Nettuno, dopo aver vissuto per oltre cinquant'anni a Latina. Attualmente si occupa di editoria, comunicazione e sport. Una parte fondamentale e importante della sua vita è dedicata allo sport, nelle vesti di atleta, allenatore, dirigente, giornalista, organizzatore, promoter, consulente, nella pallacanestro. In carriera ha vinto sette campionati da coach, sette da presidente. Ha svolto attività di volontariato in strutture ospitanti persone in difficoltà, cercando di aiutare sempre deboli e oppressi. É membro del Panathlon Club International, del Lions Club Terre Pontine e della Unione Nazionale Veterani dello Sport. Nel basket è stato allievo di Asa Nikolic, il più grande allenatore europeo di tutti i tempi. Nel giornalismo sportivo è stato seguito da Aldo Giordani, storico telecronista Rai, fondatore e direttore della rivista Superbasket. Attualmente è presidente della Associazione Basket Latina 1968. Ha collaborato con testate giornalistiche locali e nazionali, pubblicato libri tecnici di basket e di storia, costumi e tradizioni locali Ama profondamente Latina e Ponza, la patria del cuore.