ll 24 luglio ricorre il 77° anniversario dell’affondamento del piroscafo Santa Lucia che collegava Gaeta con le isole di Ponza e Ventotene, affondato da bombe sganciate da un aereo britannico. La tragedia si è consumata la mattina nel 1943, a poca distanza dal porto di Ventotene.  Il relitto giace a 50 metri di profondità.

Il Comitato famiglie delle vittime dell’affondamento del piroscafo Santa Lucia, presieduto da Mirella Romano, invita tutta la cittadinanza ponzese a partecipare alle manifestazioni organizzate per il 2020.

Giovedì 23 luglio alle 10.45 è fissata la partenza da Ponza con l’aliscafo Laziomar: arrivati a Ventotene i partecipanti si recheranno al monumento che ricorda le vittime dell’affondamento del piroscafo; a seguire si tornerà a bordo dell’aliscafo per raggiungere il luogo dell’affondamento, e dove come ogni anno il Corpo subacqueo dei Carabinieri deporrà una corona di fiori sul relitto.

Ci sarà quindi uno dei momenti salienti della cerimonia, con il lancio in mare di piccoli garofani di tutti i colori,  mentre le sirene delle imbarcazioni militari suoneranno all’unisono. Sempre venerdì 24 luglio,  alle 19, sul piazzale della chiesa sul Porto di Ponza sarà celebrata una messa per ricordare tutti i Caduti in mare.

Per saperne di più consiglio di leggere il libro di Nino Codagnone <Lo strano naufragio del piroscafo postale Santa Lucia>, edito da Mursia.

 


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.



Articolo precedenteLa Maggioranza chiede al Sindaco di restare alla guida dell’Amministrazione comunale. Carturan: «Pronti a tornare in Consiglio»
Articolo successivoSalvata dai medici dell’Ospedale di Formia dopo un intervento a Roma, il grazie di Simeone all’equipe del dottor Viola e ai dottori Lippa e di Fazio
Paolo Iannuccelli è nato a Correggio, provincia di Reggio Emilia, il 2 ottobre 1953, risiede a Nettuno, dopo aver vissuto per oltre cinquant'anni a Latina. Attualmente si occupa di editoria, comunicazione e sport. Una parte fondamentale e importante della sua vita è dedicata allo sport, nelle vesti di atleta, allenatore, dirigente, giornalista, organizzatore, promoter, consulente, nella pallacanestro. In carriera ha vinto sette campionati da coach, sette da presidente. Ha svolto attività di volontariato in strutture ospitanti persone in difficoltà, cercando di aiutare sempre deboli e oppressi. É membro del Panathlon Club International, del Lions Club Terre Pontine e della Unione Nazionale Veterani dello Sport. Nel basket è stato allievo di Asa Nikolic, il più grande allenatore europeo di tutti i tempi. Nel giornalismo sportivo è stato seguito da Aldo Giordani, storico telecronista Rai, fondatore e direttore della rivista Superbasket. Attualmente è presidente della Associazione Basket Latina 1968. Ha collaborato con testate giornalistiche locali e nazionali, pubblicato libri tecnici di basket e di storia, costumi e tradizioni locali Ama profondamente Latina e Ponza, la patria del cuore.