Home Italia Le misure Anticovd fino al 31 luglio. Ritornano i giornali nei bar,hotel,...

Le misure Anticovd fino al 31 luglio. Ritornano i giornali nei bar,hotel, ossigeno per la carta stampata

“Questo Governo vuole prorogare il Dpcm con le misure anti Covid fino al 31 luglio. Lo ha detto il ministro della Salute Roberto Speranza al Senato. La «partita per sconfiggere il Covid non è ancora terminata, serve prudenza»  per riaccendere poi la nostra economia non dobbiamo arretrare sulle misure di prevenzione: resta il divieto di ingresso da paesi fuori dall’Unione Europea, controlli più stringenti su porti e aeroporti.  Il divieto di ingresso e transito riguarda ad oggi 13 paesi, aggiorneremo continuamente questa lista e per tutti gli arrivi da paesi extra europei è confermata la quarantena di 14 giorni», ha aggiunto.

«Siamo a rischio di importare il nuovo coronavirus da cittadini che provengono  fuori dal nostro Paese» o da cittadini italiani che rientrano. Anche l’attenzione «verso gli sbarchi è massima – ha detto – ed è previsto il periodo di quarantena. Non sottovaluteremo nulla ». Il Covid «ci attacca, moltiplicando i contagiati, non solo attraverso soggetti sintomatici, ma sempre di più per mezzo di pazienti asintomatici. Nel nostro pianeta, ad oggi, il Covid ha colpito un cittadino ogni circa 650 abitanti».

«La riapertura delle scuole in sicurezza è la partita più importante, senza la riapertura di tutte le scuole non saremo mai veramente fuori dal lockdown. È un appuntamento che va gestito con massima cautela e prudenza. Dobbiamo tenere un livello di monitoraggio ed anche il personale scolastico sarà sottoposto ad indagine sierologica».

«Persistono rischi non teorici, ma concreti che muovendoci con grande prudenza possiamo ridurre sensibilmente, ma mai azzerarle del tutto. Sono rischi che le nostre rilevazioni settimanali mettono chiaramente in evidenza pur dentro un quadro nazionale che, anche questa settimana, rileva un indice Rt inferiore ad 1», ha aggiunto il Ministro. «A seguito di diversi piccoli focolai che si sono manifestati in questi ultimi giorni sono passate da 1 a 5 – ha precisato – le regioni con un indice superiore ad 1 (Veneto, Piemonte, Emilia Romagna, Toscana e Lazio) e conviviamo con piccole catene di contagio delle quali non sempre è nota l’origine».

«Ricordo questi numeri non per alimentare paure irrazionali che non avrebbero alcun senso – ha evidenziato – ma per non smarrire la razionale consapevolezza che non possiamo e non dobbiamo sottovalutare i rischi che ancora corriamo. La partita non è ancora vinta, è ancora in corso».

Le tre regole principali prorogate fino al 31 luglio sono: – Distanza di sicurezza di almeno 1 metro – Igiene frequente delle mani – Obbligo di mascherina nei luoghi chiusi e in mancanza di distanziamento. Quest’ultima va indossata: -In ospedale, negli ambulatori e dal dottore – Al supermercato e nei centri commerciali – In palestra e al ristorante, negli spazi comuni – Dal parrucchiere e negli uffici pubblici – Sui mezzi pubblici discoteche, fiere, sagre ed eventi restano ancora vietati.

Alessandra Trotta  (Giornalista Scrittrice)


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.