Ponza, domenica si festeggia nella frazione di Le Forna San Silverio dei pescatori

65

A Ponza si celebra domenica 28 febbraio, nella frazione di Le Forna, la tradizionale festività di San Silverio dei pescatori
I festeggiamenti patronali in onore di San Silverio del Pescatori sono molto sentiti dalla popolazione. San Silverio ricade il 20 giugno ma la piccola parrocchia Maria SS.ma Assunta in Cielo di Le Forna celebra il Santo Patrono dei pescatori l’ultima domenica di febbraio.
Un tempo i pescatori lasciavano le loro case da marzo a settembre per lavorare, San Silverio era il loro protettore, per questo alla vigilia della partenza si pregava San Silverio affinché proteggesse i ponzesi lontani. Raggiungevano preferibilmente i mari di Sardegna, Elba, Tunisia.
Le celebrazioni di febbraio sono un momento di intenso raccoglimento religioso che si concentrano particolarmente sui momenti liturgici. La processione della statua del Santo quest’anno viste le restrizioni dovute alla pandemia si svolgerà partendo dalle 16 dalla chiesa con sole autovetture, rispettando le norme anticovid in massima sicurezza. La statua di San Silverio sarà posta su un mezzo scoperto in testa al corteo, come avvenuto a giugno 2020. Alle 8 si svolgerà la prima funzione religiosa, alle 11 la messa solenne presieduta dall’Arcivescovo di Gaeta monsignor Luigi Vari. Sarà possibile seguirla via streaming. Per la prima volta sarà presente il nuovo parroco padre Francesco che ha sostituito recentemente padre Salvatore, andato in pensione dopo molti anni di preziosa presenza in parrocchia.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.




Articolo precedenteElezioni, il Movimento Sport si lega a Fare Latina
Articolo successivoBruxelles, De Meo: la Commissione agricoltura conferma l’approvazione di misure eccezionali in aiuto ai settori dell’ortofrutta, apicoltura e viticoltura
Paolo Iannuccelli
Paolo Iannuccelli è nato a Correggio, provincia di Reggio Emilia, il 2 ottobre 1953, risiede a Nettuno, dopo aver vissuto per oltre cinquant'anni a Latina. Attualmente si occupa di editoria, comunicazione e sport. Una parte fondamentale e importante della sua vita è dedicata allo sport, nelle vesti di atleta, allenatore, dirigente, giornalista, organizzatore, promoter, consulente, nella pallacanestro. In carriera ha vinto sette campionati da coach, sette da presidente. Ha svolto attività di volontariato in strutture ospitanti persone in difficoltà, cercando di aiutare sempre deboli e oppressi. É membro del Panathlon Club International, del Lions Club Terre Pontine e della Unione Nazionale Veterani dello Sport. Nel basket è stato allievo di Asa Nikolic, il più grande allenatore europeo di tutti i tempi. Nel giornalismo sportivo è stato seguito da Aldo Giordani, storico telecronista Rai, fondatore e direttore della rivista Superbasket. Attualmente è presidente della Associazione Basket Latina 1968. Ha collaborato con testate giornalistiche locali e nazionali, pubblicato libri tecnici di basket e di storia, costumi e tradizioni locali Ama profondamente Latina e Ponza, la patria del cuore.