Ponza piange la scomparsa di Guglielmo Tirendi, il ceramista di corso Pisacane

183

Lo vedevi ogni estate impegnato amorevolmente nel suo lavoro lungo il centralissimo corso Pisacane dove aveva da tanti anni la sua bottega artigiana di ceramista. Spiegava ai turisti i segreti di cottura e lavorazione delle sue tante opere, comprese le numerose e variegate statue di San Silverio, il patrono di ponza amatissimo. Gugliemo Tirendi ci ha lasciato in sordina a 70 anni. Di padre siciliano e madre ponzese, era nato a Catania, ma da tantissimi anni viveva a Ponza sposando una ponzese. Amava profondamente l’isola, traeva spunti artistici dalle sue improvvise mutazioni, dai colori pastello, formando un centro di cultura davvero ospitale, ricco di passione e competenza.
Guglielmo conosceva bene il suo difficile mestiere, aveva girato per apprendere sempre qualcosa in più, la sua formazione morale era una garanzia per chi lo conosceva ed apprezzava. Viveva in un mondo beato, con l’arte che lo teneva impegnato in modo interessante, senza mai trascurare la famiglia. La sua personale formazione lo aveva portato a creare vere e proprie unicità in ceramica, il fascino di un posto incantato era una spinta verso obiettivi in grado di soddisfare quei turisti che ogni anno andavano a fargli visita accolti da un sorriso.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.




Articolo precedenteConfiscati i patrimoni illeciti di Nino Montenero e Antonino Piattella: beni per 2,6 milioni di euro
Articolo successivoFondi. Test antigenici, l’appello in video del sindaco Maschietto ai genitori di studenti e scolari delle città
Paolo Iannuccelli
Paolo Iannuccelli è nato a Correggio, provincia di Reggio Emilia, il 2 ottobre 1953, risiede a Nettuno, dopo aver vissuto per oltre cinquant'anni a Latina. Attualmente si occupa di editoria, comunicazione e sport. Una parte fondamentale e importante della sua vita è dedicata allo sport, nelle vesti di atleta, allenatore, dirigente, giornalista, organizzatore, promoter, consulente, nella pallacanestro. In carriera ha vinto sette campionati da coach, sette da presidente. Ha svolto attività di volontariato in strutture ospitanti persone in difficoltà, cercando di aiutare sempre deboli e oppressi. É membro del Panathlon Club International, del Lions Club Terre Pontine e della Unione Nazionale Veterani dello Sport. Nel basket è stato allievo di Asa Nikolic, il più grande allenatore europeo di tutti i tempi. Nel giornalismo sportivo è stato seguito da Aldo Giordani, storico telecronista Rai, fondatore e direttore della rivista Superbasket. Attualmente è presidente della Associazione Basket Latina 1968. Ha collaborato con testate giornalistiche locali e nazionali, pubblicato libri tecnici di basket e di storia, costumi e tradizioni locali Ama profondamente Latina e Ponza, la patria del cuore.