«Reddito minimo e reddito di cittadinanza rispondono a due presupposti differenti: il primo è correlato ad un’attività lavorativa; il secondo costituisce un sussidio. Considerarli come sinonimi, non fa che aumentare la confusione nelle persone e distogliere l’attenzione da quello che di concreto si sta facendo per chi è in condizioni di fragilità».
Lo afferma l’europarlamentare di Fratelli d’Italia-ECR, Nicola Procaccini rispondendo alle dichiarazioni degli europarlamentari del Movimento 5 Stelle, Laura Ferrara e Mario Furore.
“Nessun cambio di posizione, quindi, rispetto a quanto espresso in occasione del Consiglio Epsco dello scorso 8 dicembre, relativamente alla “Raccomandazione su un reddito minimo adeguato che garantisca l’inclusione attiva”. In quell’occasione – continua Procaccini – il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Marina Calderone, ha affermato la volontà in Italia di dare avvio a una riforma che assicuri condizioni di vita dignitose alle persone più in difficoltà e fragili, predisponendo per coloro che possono lavorare misure specifiche per reintegrarsi nel mondo del lavoro attraverso politiche attive del lavoro. In altre parole, nella direzione in cui il Ministero sta lavorando: da una parte il sostegno per coloro che non possono lavorare, dall’altra la riforma delle politiche attive all’interno delle quali attivare percorsi per la riqualificazione e la ricollocazione dei percettori di Reddito di Cittadinanza “occupabili”.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.