Revocato il reddito di cittadinanza a due donne del clan Di Silvio

54

Il Nucleo Carabinieri ispettorato del Lavoro di Latina, a conclusione di prolungati accertamenti, aveva già denunciato ad inizio dicembre 2020 Di Silvio Angela e Di Silvio Genoveffa Sara, entrambi appartenenti alla nota famiglia criminale del capoluogo pontino, i cui componenti sono stati destinatari di misure cautelari nell’ambito dell’inchiesta della Direzione Distrettuale antimafia di Roma denominata “Alba pontina”.  In particolare le due donne avevano chiesto ed ottenuto il reddito di cittadinanza, omettendo nell’istanza di indicare che tutti i membri di età maggiorenne della famiglia erano sottoposti in atto a misura cautelare detentiva, motivo ritenuto per legge ostativo alla concessione del beneficio stesso. Inoltre, per presentare le domande presso un patronato del capoluogo, le menzionate erano anche evase dal luogo dove usufruivano degli arresti domiciliari qual forma di beneficio alternativo alla detenzione in carcere, concessa dal giudice del tribunale di Roma a conclusione dell’operazione di polizia suddetta.

Le due donne, che avevano richiesto il contributo per il rispettivo nucleo familiare, sono state deferite all’Autorità Giudiziaria pontina, e con comunicazione all’I.N.P.S., ente erogatore del beneficio, veniva revocato il beneficio percepito indebitamente da novembre 2019 a novembre 2020, per un totale di oltre 10.000 euro per ciascuno nucleo. Nel 2020 avevano richiesto un ulteriore reddito omettendo di essere sottoposte a misure cautelari. Una tempestiva segnalazione all’INPS da parte dei carabinieri ha impedito che fosse versato il nuovo contributo ed entrambe le Di Silvio sono state denunciate alla Procura ed è stato revocato il reddito.


News-24.it è una testata giornalistica indipendente che non riceve alcun finanziamento pubblico. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi aiutarci nella nostra missione puoi offrici un caffè facendo una donazione, te ne saremo estremamente grati.



Articolo precedenteChiesti due ergastoli per l’omicidio di Gaetano Marino, il boss di camorra ucciso sul lungomare di Terracina nel 2012
Articolo successivoSerata tragica a Pontinia, giovane si schianta contro un pino e muore